Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

 

Cambiamento in corso


di Rina Di Giorgio Cavaliere

Ogni profonda trasformazione della scienza e della tecnica, della società e della politica (economia) si riflette sulla vita familiare, dal momento che l’istituto familiare vive e si evolve nella società e per la società, rimanendo ad essa essenziale e insostituibile.

La famiglia è entrata in crisi come centro di socializzazione soprattutto per quanto riguarda il periodo dell’adolescenza, quando i figli preferiscono vivere nel gruppo dei coetanei dove si sentono maggiormente a proprio agio.

Dobbiamo chiederci, perciò, in quale modo si stanno proiettando i nostri giovani, cosa vedono attorno e cosa li attrae. Nell’analisi dei dati sull’indice di ascolto del Festival di San Remo 2015 è emerso un vistoso incremento riguardante l’ascolto da parte dei più giovani. Vivono sotto gli occhi attenti e premurosi della televisione, onnipresente come il computer o il telefonino; e le statistiche ci dicono che si va verso un aumento di tale esposizione. Le diffidenze, le paure, le censure nei confronti dei media hanno ormai una loro tradizione, c’è tutta una storia di decenni non risolta.

E’ indubbio che vi sono profondi mutamenti del costume di fronte ai quali i ragazzi sono divisi fra una nuova morale che mette in primo piano la coscienza individuale e il bombardamento dei persuasori che esaltano altri comportamenti; regalano una pronta felicità, ma riempiono di vuoto, il vuoto di pensieri e di emozioni.

Uno studio su Alcoholism: Clinical & Experimental Research condotto in Inghilterra ha evidenziato il fatto che siano sempre più diffusi i «blackout» alcolici fra i giovanissimi. Gli autori dello studio hanno sottolineato un pericoloso atteggiamento di fondo: molti ragazzi pensano che tali comportamenti siano solo divertenti, mentre sottovalutano i rischi del bere.

In un’accezione vasta del termine, valutare assume il significato di un’imprescindibile modalità umana di essere al mondo. Il bambino appena nato valuta il nuovo ambiente e reagisce col pianto, poi valuta i colori, i nomi, le azioni . . . L’iniziale valutazione soggettiva tendente alla difesa della propria incolumità, col crescere diventa sempre più oggettiva finché, da adulti, ognuno di noi riesce a distinguere con la riflessione ogni tipo di valutazione intrinseca. La mente di un ragazzo di oggi è sommersa da una molteplicità di informazioni frantumate, non solo perché diversificate (i media non seguono un’esposizione sistematica), ma perché appartenenti a mondi diversi.

 Superficialità, noia, disimpegno, rifiuto e tendenze autodistruttive possono essere combattute dal desiderio di conoscere e di migliorare, dalla creatività, progettualità, solidarietà e amicizia. E’ un rinascere che necessita di punti di riferimento, gli stessi che famiglia e scuola possono offrire in modo non condizionante; orientare in questo caos di simboli e modelli quanti per inesperienza e mancanza di adeguate capacità di interpretazione critica, possono diventare facile preda di entusiasmi e di condizionamenti.

Spunti di approfondimento e di riflessione ci vengono offerti proprio da alcuni intervistati tra i giovani vincitori del Festival, che hanno avuto parole di affetto e di gratitudine per i genitori e i nonni. Segno questo che essi hanno bisogno di vivere esperienze diverse da quelle che hanno luogo nell’ambito della famiglia, di incominciare ad avere un insieme di attività e di convinzioni soltanto proprie, ma vi è anche il desiderio di conservare la possibilità di rientrare in tale atmosfera ogni volta che per qualche ragione sentano il bisogno di farlo. La famiglia, dunque, più che mai permane il luogo in cui l’uomo continua a cercare la soddisfazione del suo bisogno di protezione e d’amore.

 


 
19/09/2022 - Moderni paradigmi nelle previsioni meteo -
26/08/2022 - E’ boom di reati informatici, anche in Puglia -
01/07/2022 - Viaggiatori o turisti? -
03/06/2022 - Uno skyline dell’agire comunicativo -
04/05/2022 - Emozioni in gioco -
11/04/2022 - I GIORNI SANTI -
28/03/2022 - Contemporaneità, alcune considerazioni -
27/02/2022 - Parole e fatti nell’universo femminile -
04/02/2022 - Sulla felicità del pianeta -
09/01/2022 - Scheda di un bene ambientale -

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by