Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

 

Il proprio spazio di vita


di Rina Di Giorgio Cavaliere

Buona parte delle analisi contemporanee sui fenomeni economici, politici, sociali e culturali, che ci riguardano, è condotta all’insegna della globalizzazione. Le caratteristiche salienti del processo di trasformazione attuato in questi anni, (ha soprattutto ampliato e arricchito gli spazi di partecipazione nel bene e nel male), sono puntualmente documentate dai recenti fenomeni; essi pongono società e istituzioni di fronte a nuovi problemi, coinvolgenti tutti gli ambiti dell’odierna convivenza civile.

Lo studioso Anthony Mc Grew parla di una doppia connotazione, riferendosi alla globalizzazione. Estensiva, in quanto i fatti che avvengono in una parte del mondo possono avere ripercussioni su individui e comunità, i quali vivono in altre parti; intensiva nel senso di una crescente interdipendenza e interconnessione tra i diversi stati e le differenti società.

Parliamo del notevole movimento di essere umani che si spostano e incontrano altre persone, innanzitutto nei viaggi promossi dalla colossale macchina del turismo. Costituiscono un moto di breve durata dall’interno verso l’esterno. Tra le mete preferite permangono i paesi del Sud del mondo, ma ci sono anche località nuove per il 2015, come la penisola della Kamchakta, punta estrema della Russia, tra il mare occidentale della Siberia e l’oceano Pacifico, con una zona vulcanica e un parco naturale dichiarati Patrimonio Unesco.

L’attuale turismo di massa, pubblicizzato con numerose notizie e fotografie, incentivato con prezzi vantaggiosi sui siti internet e nelle agenzie del settore, pur essendo foriero di vantaggi economici per il paese di destinazione, determina un impatto culturale occasionale. In questa prospettiva il paese di destinazione con i suoi abitanti, la natura e gli altri esseri che lo popolano è alla stregua di oggetto esotico o souvenir.

Presenta, al contrario, una sua connotazione culturale, è di rilevanti proporzioni numeriche e generalmente di breve o media durata, la mobilità di studenti e lavoratori oggi molto praticata non solo in ambito europeo, ma extra europeo. Soggetti attivi, che seguendo modalità e tempo di realizzazione differenti, danno luogo a incontri con altre culture, intese nell’accezione antropologica: modo di vivere, valori, comportamenti, credenze, artefatti, storia comune.

Merita una sottolineatura particolare, per la sua vastità e diffusione, l’altro aspetto, quello degli immigrati, soggetti passivi del fenomeno migratorio; raggiungono il nostro paese spinti da un miglioramento delle condizioni economiche o per un rifugio da persecuzioni politiche.

La pluralità rimane, in ogni caso, un dato di fatto del terzo millennio; pratica intersoggettiva che parte dalla più piccola espressione della vita associativa, la famiglia, sino a coinvolgere gradualmente la sfera dell’economia e della politica internazionale. Una prospettiva culturale nuova e nello stesso tempo tanto vicina alla nostra realtà umana, protesa nella ricerca continua di un senso globale della vita.

 


 
19/09/2022 - Moderni paradigmi nelle previsioni meteo -
26/08/2022 - E’ boom di reati informatici, anche in Puglia -
01/07/2022 - Viaggiatori o turisti? -
03/06/2022 - Uno skyline dell’agire comunicativo -
04/05/2022 - Emozioni in gioco -
11/04/2022 - I GIORNI SANTI -
28/03/2022 - Contemporaneità, alcune considerazioni -
27/02/2022 - Parole e fatti nell’universo femminile -
04/02/2022 - Sulla felicità del pianeta -
09/01/2022 - Scheda di un bene ambientale -

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by