Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

 

Il contratto nuziale


di Rina Di Giorgio Cavaliere

Le condizioni socio economiche, tra cui la precarietà del lavoro, e una cultura centrata sul benessere personale hanno indotto mutamenti nel modello di famiglia, anche in ambito giuridico. È quanto emerge dalla lettura dei dati recenti forniti dall’ISTAT in merito alle separazioni, ai divorzi e alla notevole diminuzione dei matrimoni celebrati nel nostro Paese.

Tutto ciò, mentre fornisce una visione viva e pulsante della realtà in fieri, pone alla nostra attenzione un fenomeno in atto già da alcuni anni. Dall’analisi emerge il diverso valore attribuito al matrimonio, frutto della realtà socio ambientale e culturale entro cui viviamo, qualificato come adempimento burocratico e non un atto comunitario di rilevanza collettiva, ove i valori umani sono appresi e interiorizzati.

Un doveroso e urgente compito pedagogico attende educatori e genitori, che dovranno confrontarsi con tale realtà nel proporre modelli pedagogici credibili e attuabili. Il culto dei bisogni materiali, caratteristici della civiltà attuale, di fatto, ha opacizzato e banalizzato molti momenti della vita sociale, enfatizzandone la dimensione privatistica, a cominciare dal ruolo specifico dei genitori. La scuola, dal canto suo, per i ragazzi privi di controllo e per altre forme di disagio, chiama in causa i genitori; questi vuoi per impegni di lavoro vuoi per la dilagante permissività o per quella ostentata copertura di modernismo, talvolta scambiata per apertura pedagogica in opposizione ai vecchi e vieti atteggiamenti autoritari, spesso non  collaborano.

A mano a mano che ricercatori, medici e docenti chiariscono il concetto di vissuto storico, di approfondimento civico, morale, sociale ed economico del nostro tempo, viene a comporsi un nuovo spaccato di vita della famiglia odierna. Le vicende dei singoli s’inseriscono, quale piccola tessera musiva, nel vastissimo mosaico della storia nazionale e noi ci rendiamo conto di dover ricomporre un equilibrio tra spontaneità, affettività e coscienza anche in questo campo della vita dell’uomo. La spinta alla liberazione sessuale contiene alcuni valori reali che devono essere messi in luce, ma non è esente da rischi e da possibilità di fraintendimenti.

Ritrovare i mezzi per amare con migliore consapevolezza, per essere pienamente uomo o donna e valorizzare l’unione coniugale, sarà di sostegno per i giovani, che ormai si affacciano sulla soglia di casa con occhi nuovi: l’adolescenza è l’età tipica della partenza, conseguentemente di una preparazione intelligente dell’equipaggiamento conveniente per il viaggio. Potranno trovare nel vissuto storico qualche risposta ai loro interrogativi esistenziali; scoprire il loro posto accanto agli adulti nella società e, forse, si sentiranno meno soli, coinvolti come sono nel divenire incessante della vita.

 

 

 


 
19/09/2022 - Moderni paradigmi nelle previsioni meteo -
26/08/2022 - E’ boom di reati informatici, anche in Puglia -
01/07/2022 - Viaggiatori o turisti? -
03/06/2022 - Uno skyline dell’agire comunicativo -
04/05/2022 - Emozioni in gioco -
11/04/2022 - I GIORNI SANTI -
28/03/2022 - Contemporaneità, alcune considerazioni -
27/02/2022 - Parole e fatti nell’universo femminile -
04/02/2022 - Sulla felicità del pianeta -
09/01/2022 - Scheda di un bene ambientale -

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by