Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

 

Episodi violenti nei Pronto Soccorso pugliesi
Il presidente assessore alla salute dovrebbe agire, perché questi fenomeni


di M.B.

Bari, 16 giugno 2017.

"I dilaganti fenomeni di violenza sia verbale che fisica nei confronti del personale sanitario, impegnato nei servizi di emergenza-urgenza e nei Punti di Primo intervento ospedalieri, sono l’oggetto di una interrogazione di Sinistra Italiana al Consiglio regionale della Puglia.
Il presidente assessore alla salute dovrebbe agire, perché questi fenomeni spesso sono il frutto dell'intasamento dei Pronto Soccorso che sono causati dalla chiusura di reparti di Medicina e Chirurgia d'accettazione ed urgenza di ospedali. Servono azioni concrete e non slogan e buone intenzioni che hanno stancato a pugliesi.
Diversi enti di rappresentanza professionale sanitaria ultimamente hanno infatti segnalato le aggressioni subite dagli infermieri nella quotidianità, in particolar modo nei Pronto Soccorso, dove sono in aumento, anche a causa della chiusura di una serie di presidi e con la centralizzazione dei pazienti all’interno dei DEA (dipartimenti di emergenza-urgenza). Nei Pronto Soccorso sono aumentati gli accessi inappropriati che hanno provocato di conseguenza l’instaurarsi di un effetto imbuto per l’accesso alle cure da parte degli utenti. L’overcrowding, cioè l’affollamento, dunque impèra, con la conseguente dilatazione dei tempi di attesa, soprattutto per quei pazienti a gravità minore, che spesso si agitano e ingaggiano, con il personale infermieristico, vere e proprie contese per ottenere nell’immediato la risposta a loro desiderata, innescando reazioni incontrollabili che spesso si traducono in violenza fuori luogo. Con l’approssimarsi della stagione estiva poi è forte la preoccupazione che il fenomeno dell’overcrowding si accentui ancor di più, a causa della maggiore utenza sul territorio, meta di consistenti flussi turistici.
Si potrebbero adottare altri modelli organizzativi per arginare il sovraffollamento. Per esempio i codici a gravità minore, che rappresentano l’81% degli utenti, per i quali i tempi di attesa risultano eccessivamente dilatati, superando spesso le due ore anche per la sola prima visita in ambulatorio, potrebbero essere gestiti tempisticamente come accade già con successo in altre regioni. In Toscana, per esempio, per problematiche cliniche di natura minore, sono stati istituiti degli ambulatori See & Treat, che mettono in atto protocolli a gestione infermieristica per patologie non urgenti, previsti con 49 protocolli. Tale modalità di gestione dei pazienti ha generato risultati apprezzabilissimi in termini di assistenza ricevuta (64% eccellente), risoluzione del problema (86% totalmente risolto), il tempo occorso per la visita (83% in meno10 minuti).
Un’altra valida esperienza certamente che si potrebbe adottare è per esempio quella messa in atto dall’Ospedale S. Carlo di Potenza, che ha istituito una Fast Track, che rappresenta un percorso veloce di gestione infermieristica attuato dall'infermiere di triage con competenze specifiche, consistente nell’ inviare il paziente direttamente allo specialista e alla diagnostica, in presenza di procedure e protocolli validati dall'Azienda , così da bypassare la fase di inquadramento e valutazione clinica del medico di Pronto Soccorso.
Le suindicate proposte, già sperimentate con successo, rappresentano innovazioni di sistema atte a sortire risultati eccellenti indubbiamente sulla qualità delle prestazioni erogate ai cittadini, ma atte anche a rendere più sicure e protette le prestazioni professionali del personale sanitario. Occorre lavorare in tale direzione per eliminare completamente questi episodi di violenza, per garantire la massima sicurezza dei cittadini utenti del Sistema Sanitario Regionale, ma anche per tutelare l’incolumità degli operatori sanitari che ogni giorno operano, non senza difficoltà, col solo obiettivo di difendere la salute".


 
07/02/2023 - Carlantino, Forum comunale: la giunta risponde - Incontro pubblico...
13/12/2022 - “PSICOLOGIA SCOLASTICA E DEL BENESSERE” - BANDO DI AMMISSIONE AL...
06/12/2022 - MERIDIONALI PER REINTRODURRE IL CREDITO D’IMPOSTA - Introdotto con...
23/11/2022 - “Taglio RDC, conseguenze pesanti per San Severo - Il Sindacato...
23/11/2022 - Donne. Occupate di meno e meno pagate - per l'eliminazione della...
19/11/2022 - Mettiamo la famiglia e i bambini al centro - Le associazioni inviano...
11/11/2022 - MOSTRA “PIER PAOLO PASOLINI 1922-2022” - Si è tenuta nella Sala della...
08/11/2022 - RAFFORZAMENTO DELLE ATTIVITA’ DI PREVENZIONE - AI FINI...
29/10/2022 - La mancata destagionalizzazione e i rincari - I beni energetici...
26/10/2022 - Manfredonia, Congresso Spi - Assemblea congressuale del Sindacato...
05/10/2022 - Crisi comparto vitivinicolo - ): “Subito aiuti regionali agli...
23/09/2022 - QUALITA’ ED EFFICIENZA IN PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - PARTITE LE...
29/08/2022 - Siccità, irrigazioni di soccorso - aumenti dell’energia elettrica: il...
29/08/2022 - Trullo 227_Emergenze_arte - Opening 3 | 4 Settembre 2022 dalle ore...
26/08/2022 - L’estate ‘zero’ del Gargano:movida senza incidenti - Divertimento ma...

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by