Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

 

Canosa. Problemi di ricezione digitale terrestre
Giovanni Quinto: il Ministero ci ha comunicato che dalla prossima settimana la situazione migliorerà


di Francesca Lombardi

Canosa, 8 novembre 2012.

“A distanza di alcuni mesi dall’arrivo del digitale terrestre che ha sostituito definitivamente il segnale analogico, i problemi di ricezione del segnale televisivo persistono ancora in tutta la Sesta provincia e quindi anche nella nostra città”. Sono queste le parole dell’assessore alla Comunicazione Istituzionale, Giovanni Quinto, che da tempo è in contatto con le aree tecniche delle principali emittenti televisive e con il Ministero dello Sviluppo Economico per cercare di capire quando saranno risolti i problemi di ricezione del digitale terrestre.
“Le attività di switch-off – prosegue - , iniziate per la Puglia alla fine del mese di maggio 2012, hanno riservato ai telespettatori pugliesi non pochi disagi. Il passaggio definitivo dal segnale televisivo analogico al più rivoluzionario digitale terrestre, se a molti ha concesso la possibilità di ricevere più canali televisivi, di essere sempre in contatto con il mondo, moltiplicando di fatto l’offerta dei programmi televisivi, ad una fascia di popolazione ha creato immagini a scacchi, voci spezzate, schermi oscurati o a "effetto neve", scomparsa di alcuni canali Mediaset e Rai, segnale a intermittenza. Tali disagi stanno mettendo a dura prova la pazienza dei telespettatori che non si aspettavano che si potessero verificare così tante e prolungate difficoltà”, tiene a sottolineare Giovanni Quinto, sollecitato nelle scorse settimane da molti cittadini che gli hanno chiesto di interessarsi della questione.
“Dai dati forniti dalla struttura tecnica del Ministero dello Sviluppo Economico – aggiunge Quinto - abbiamo appreso che le chiamate giunte al numero verde attivato dallo stesso Ministero (800.022.000) il giorno dello switch-off pugliese sono state 3.800 delle quali 183 provenivano dalla città di Canosa: in molti non sapevano nulla del cambio e non avevano nemmeno acquistato il decoder. In alcune città, dove per l’80 per cento degli utenti il servizio è rimasto fuori uso, si è addirittura potuto ipotizzare il reato di interruzione del servizio pubblico”.


L’assessore alla Comunicazione istituzionale, Giovanni Quinto, nella foto.

E anche a Canosa il disagio non accenna a diminuire. “In questi giorni numerose sono le segnalazioni sia delle Associazioni dei Consumatori sia dei semplici cittadini”, aggiunge l’assessore alla Comunicazione Istituzionale. “Il disagio, ci è stato comunicato che è dovuto a una molteplicità di fattori sui quali si sta ancora lavorando, ma in gran parte, pare che sia dovuto alle interferenze reciproche tra emittenti di diverse aree, a problemi di alcune reti che non sono state ottimizzate a dovere. In questo gioco al rimpallo di responsabilità tra il Ministero dello Sviluppo Economico e le reti televisive è il cittadino che sopporta i disagi, pur continuando a pagare un canone televisivo piuttosto elevato”.

“La buona notizia – ha annunciato l’assessore Quinto - è che, dopo vari contatti, ci è stato comunicato dal Ministero che già dalla prossima settimana la situazione dovrebbe marcatamente migliorare, in quanto stanno per essere concluse tutte le attività finalizzate ad indirizzare sulla zona di Canosa un migliore e più potente segnale, attraverso l’utilizzo di nuovi ripetitori che dovrebbero garantire una migliore copertura geografica della trasmissione/ricezione.
L’auspicio è quello che presto potremo ricevere un segnale migliore, senza essere costretti a orientare nuovamente le antenne e le parabole”.

“Colgo l’occasione per informare gli utenti – ha concluso Quinto - che dal 30 ottobre (24 ore dopo la segnalazione della Gazzetta del Mezzogiorno)  il sistema” free wi-fi “ di piazza della Repubblica è nuovamente funzionante”.

        


 
07/02/2023 - Carlantino, Forum comunale: la giunta risponde - Incontro pubblico...
13/12/2022 - “PSICOLOGIA SCOLASTICA E DEL BENESSERE” - BANDO DI AMMISSIONE AL...
06/12/2022 - MERIDIONALI PER REINTRODURRE IL CREDITO D’IMPOSTA - Introdotto con...
23/11/2022 - “Taglio RDC, conseguenze pesanti per San Severo - Il Sindacato...
23/11/2022 - Donne. Occupate di meno e meno pagate - per l'eliminazione della...
19/11/2022 - Mettiamo la famiglia e i bambini al centro - Le associazioni inviano...
11/11/2022 - MOSTRA “PIER PAOLO PASOLINI 1922-2022” - Si è tenuta nella Sala della...
08/11/2022 - RAFFORZAMENTO DELLE ATTIVITA’ DI PREVENZIONE - AI FINI...
29/10/2022 - La mancata destagionalizzazione e i rincari - I beni energetici...
26/10/2022 - Manfredonia, Congresso Spi - Assemblea congressuale del Sindacato...
05/10/2022 - Crisi comparto vitivinicolo - ): “Subito aiuti regionali agli...
23/09/2022 - QUALITA’ ED EFFICIENZA IN PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - PARTITE LE...
29/08/2022 - Siccità, irrigazioni di soccorso - aumenti dell’energia elettrica: il...
29/08/2022 - Trullo 227_Emergenze_arte - Opening 3 | 4 Settembre 2022 dalle ore...
26/08/2022 - L’estate ‘zero’ del Gargano:movida senza incidenti - Divertimento ma...

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by