Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

 

Sulla felicità del pianeta


di Rina Di Giorgio Cavaliere

Un rischio che corrono tutte le città è quello di espandersi in modo caotico e disordinato. Ancor più quel fenomeno tipico del vecchio, come del nuovo millennio, riferito alla rapida crescita di alcune immense città, chiamate appunto megalopoli, con i conseguenti problemi di igiene, approvvigionamento idrico e alimentare, sicurezza civile, traffico, pianificazione di servizi. Città del Messico è divenuta nel 2010 con quasi nove milioni di abitanti il simbolo negativo del gigantismo urbano: conseguente centralizzazione di tutte le attività, proliferazione di bidonvilles e crescita caotica dell’edilizia. Tokio, New York, Los Angeles appartengono ai Paesi con alto reddito, ma per il 2025 ben 81 metropoli con più di cinque milioni di abitanti saranno in Africa, Asia e America Latina; aree di consumo e di lavoro poco produttive, che pesano sullo sviluppo complessivo della società.

Questi aspetti non certo trascurabili ai fini del benessere dell’individuo, le forti disuguaglianze di crescita tra i paesi più ricchi e quelli in via di sviluppo, determinano problemi da risolvere e interessi da coltivare. Per meglio interpretare le esigenze della collettività e i suoi principali e reali bisogni, cambia anche l’uso delle parole, che si squadernano e si dilatano in molti significati, quando si ispessiscono della misura del reale.  Nel corso della storia contemporanea il vocabolo felicità ha assunto differenti connotazioni; oggi la comune coscienza linguistica, per il suo calcolo valoriale, prende in considerazione alcuni fattori di riferimento fondati sulla qualità della vita: il Prodotto Interno Lordo pro capite, la generosità degli abitanti, la serenità nel poter compiere scelte di vita, l’aspettativa di vita, la percezione di corruzione all’interno del paese, il supporto sociale. Secondo tali parametri il World Happiness Report del 2021, nella classifica mondiale dei paesi più felici, colloca il Nord Europa ai primi posti (Finlandia, Danimarca), al terzo la Svizzera, mentre l’Italia si attesta nella parte inferiore della graduatoria. Le posizioni meno prestigiose spettano all’Africa e all’India.

Curiosamente il Bhutan, piccolo stato himalayano, è stato il primo paese al mondo ad adottare nel 1972 il Fil (indice di felicità interna lorda, GNH in inglese) alternativo al Pil. Negli anni è verificabile un incremento di indicatori alternativi, alcuni sostenuti dalla commissione Stiglitz-Sen-Fitoussi istituita nel 2008 in Francia al fine di valutare il benessere materiale in base ai redditi o consumi, oltre che sulla produzione: distribuzione tra ricchi e poveri, attività non direttamente legate al mercato (sanità, ambiente, educazione). Successivamente aggiornati, fino a superare il numero di 30, contengono l’Indice di sviluppo umano (Hdi in inglese), quello dell’impronta ecologica e l’italiano Bes, che misura il benessere equo sostenibile.

Questi due anni di pandemia hanno ulteriormente modificato il Pil (nel 2021 si è attestato sul 6,5%) e, di conseguenza, i misuratori alternativi del benessere (incluso il posto di lavoro e il settore immobiliare), per stabilizzarsi in difesa della salute; non soltanto un bene personale e privato, che prima di tutto noi come individui dobbiamo preoccuparci di mantenere, ma un bene di tutti, della società. In un ordinamento democratico le libertà individuali, anche se non fossero reclamate dai singoli a difesa dell’interesse privato, apparirebbero come primordiale esigenza dell’interesse pubblico. A conferma il recente report “The global wellness economy: looking beyond Covid”, presentato a Boston dalla Global Wellness Institute (GWI), che raccoglie dati sul segmento “benessere’ di tutto il mondo”, esamina i dieci comparti dell’attuale economia del benessere al fine di condividere con i leader internazionali l’impegno di aiutare le persone a vivere meglio e più a lungo. L’arte dello stare bene con se stessi e con gli altri ci vedrà impegnati ancora per il futuro nel dormire meglio, meditare, fare sport e turismo del benessere, sana alimentazione, ritorno alla natura.


 
19/09/2022 - Moderni paradigmi nelle previsioni meteo -
26/08/2022 - E’ boom di reati informatici, anche in Puglia -
01/07/2022 - Viaggiatori o turisti? -
03/06/2022 - Uno skyline dell’agire comunicativo -
04/05/2022 - Emozioni in gioco -
11/04/2022 - I GIORNI SANTI -
28/03/2022 - Contemporaneità, alcune considerazioni -
27/02/2022 - Parole e fatti nell’universo femminile -
04/02/2022 - Sulla felicità del pianeta -
09/01/2022 - Scheda di un bene ambientale -

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by