Stampa la Notizia

   

GIOCONDA BELLI la potessa nicaraguense

 

Carissimi,                        
                              
la poetessa che porto alla vostra attenzione è Gioconda Belli, giornalista e scrittrice nicaraguense, autrice di diverse raccolte di poesie, caratterizzate da una poetica sensuale e femminile.
Gioconda Belli nasce in Nicaragua, nel 1948 da una famiglia di origini italiane. Seconda di cinque fratelli, Gioconda ha la fortuna di appartenere alla borghesia nicaraguense, cosa che le permette di portare avanti gli studi prima in Spagna e poi negli Stati Uniti dove si diploma in giornalismo a Filadelfia.  Nel 1967 dopo la specializzazione in giornalismo, torna in patria. Dal 1970 comincia a pubblicare le sue poesie su diverse riviste letterarie del suo paese, ottenendo i primi riconoscimenti in ambito nazionale e internazionale con la raccolta di poesie La costola di Eva, che fu un successo in molti paesi sudamericani. Ma il vero successo internazionale arriva con il suo primo romanzo, La donna abitata pubblicato nel 1989 e tradotto anche in molti paesi Europei e in Nord America Il libro, in parte autobiografico, racconta le vicende di una donna che entra a far parte del movimento rivoluzionario del suo paese, oppresso dalla dittatura, intrecciando alla sua storia il racconto dell'analoga resistenza perpetrata, 500 anni prima, da una donna nahua contro l'invasione spagnola. 
Al primo romanzo seguiranno altre otto opere di narrativa: nel 1990 Sofia dei presagi, nel 1996 Waslala, nel 2001, Il paese sotto la pelle, racconto pienamente autobiografico degli anni della lotta sandinista, nel 2007, La pergamena della seduzione, rivisitazione storica della vita di Giovanna la Pazza, nel 2008, L’infinito nel palmo della mano, nel 2001, Nel paese delle donne, nel 2015, L’intenso calore della luna e infine nel 2019, Le febbri della memoria.
 


Quando sarò vecchia

Quando sarò vecchia
se mai lo sarò
e mi guarderò allo specchio
e mi conterò le rughe
come delicata orografia
di pelle distesa.
Quando potrò contare i segni
lasciati dalle lacrime
e dalle preoccupazioni
e il mio corpo risponderà lentamente
ai desideri,
quando vedrò la mia vita avvolta
in vene azzurre in occhiaie profonde
e scioglierò i miei capelli bianchi
per andare a dormire presto
come si deve
quando verranno i nipotini
a sedersi sulle mie ginocchia
fiaccate dal passare di molti inverni,
so che il mio cuore ribelle
starà ancora ticchettando
e i dubbi e i vasti orizzonti
saluteranno ancora
i miei mattini.

EROS E' L'ACQUA
Tra le tue gambe
il mare mi mostra strane scogliere coralline
rocce superbe coralli magnifici
contro la mia grotta di conchiglie madreperlata
tu mollusco di sale segui la corrente
l'acqua scarsa scopre le pinne
mare nella notte con lune sommerse
il tuo ondeggiare brusco il mio pulsare di spugna
i cavalli minuscoli fluttuanti fra i gemiti
aggrovigliati in lunghi pistilli di medusa.
Amore tra delfini
a balzi ti tuffi sul mio fianco leggero
ti accolgo in silenzio ti guardo tra bollicine
le tue risa cerco con la bocca spuma
leggerezza dall'acqua ossigeno dalla tua
vegetazione di clorofilla
dagli occhi argentati
fluisce il lungo sguardo finale
ed emergiamo da corpo acquatico
siamo di nuovo carne
una donna e un uomo
tra le rocce.

di Giusy Carbonaro

 

 

Il primo quotidiano di informazione on line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812