Stampa la Notizia

   

Foggia, occasione sciupata: 1-1 con la Juve Stabia
Tanto gioco ma poca efficacia rispetto ai pratici ospiti. Nicoletti, gran gol, pareggia i conti

 

Foggia, 26 settembre 2021.

Il Foggia raccoglie soltanto un pari (1-1) nel match interno contro la Juve Stabia. Poco per quanto i ragazzi di Mister Zeman hanno fatto vedere per tutti i 97’. Infatti i satanelli hanno disputato una buona gara, forse la più bella di quest’inizio di stagione. E’ mancata però in fase offensiva. Dove di palle-gol ne sono arrivate col contagocce e quelle poche volte in cui si poteva sfruttarle, non sono state finalizzate. E’ questo il refrain di queste prime giornate di campionato. Non è servita nemmeno la grande prova di Merola che ha dominato la corsia di competenza e messo più volte in difficoltà la difesa ospite. Anche abbastanza sfortunato l’attaccante che, alla prima azione dopo il vantaggio degli ospiti, ha avuto una doppia possibilità per siglare il primo gol in maglia rossonera. A negargli la gioia, prima il palo, poi il grande intervento di Sarri. E’ un Foggia che però, come dicevamo, continua a deludere, sotto certi aspetti, in chiave offensiva. E’ il reparto che non gira come Zeman vorrebbe e, soprattutto manca quel qualcosa in più che dovrebbe fornire l’elemento di spicco, Curcio. Ancora una volta deludente la prestazione del capitano, “ripreso” da alcuni tifosi, a fine partita. In ogni caso il Mister dovrà correre a i ripari e trovare una soluzione. Rispetto al match di Latina due sono le novità nell’undici iniziale: Garattoni al posto dello squalificato Martino e Merola per Di Grazia. Nei primi 20’ la gara si sviluppa essenzialmente nella zona centrale, dove gli ospiti mostrano i muscoli  per evitare possibili e pericolose ripartenze. Il Foggia, soffre questo atteggiamento, non “aiutato” dal permissivo Sig. Luciani e incontra non poche difficoltà in fase di costruzione. I reparti sono slegati e il pressing fatto in modo non uniforme fa soltanto correre a vuoto. Non fa meglio la Juve Stabia. Gli uomini di Novellino badano a non concedere un solo centimetro e lo fanno in tutti i modi leciti e non. Il primo acuto è del Foggia. Petermann porge a Merola (15’) un ottimo pallone e sulla sua conclusione c’è Sarri a respingere in angolo. Merola è particolarmente ispirato sulla fascia e 1’ più tardi ci prova ancora, senza risultato. Il pallino del gioco sembra saldamente nelle mani del Foggia ma, come spesso accade, sono gli avversari a far gol. Panico (23’), sfrutta un taglio di Schiavi e “punge” Alastra con un bel diagonale. La reazione del Foggia non si fa attendere. Merola (25’) di testa colpisce il palo e sugli sviluppi dell’azione calcia con potenza e Sarri si salva d’istinto. Spinge il Foggia, nonostante gli ospiti le provano tutte per spezzettare il gioco e spazientire gli avversari. Solo al 32’  il direttore di gara estrae il primo cartellino. E’ Cinaglia a prendere il giallo. Il Foggia vorrebbe andare al riposo in parità ma non ci riesce. Curcio (35’) ha a disposizione un calcio di rigore in movimento ma lo spreca in malo modo. E gli ultimi tentativi, prima del duplice fischio del Sig. Luciani, senza esito, sono di  Rocca (45’) e Nicoletti (47’). Nella ripresa i rossoneri appaiono più determinati. Però i tentativi di sfondare il “fortino” delle vespe si infrangono contro il muro. La difesa stabiese è attenta e concede davvero poco. La manovra di Curcio e compagni è avvolgente e supportata dall’incessante spinta del tifo ma si spegne nel momento decisivo. Un sussulto dei padroni di casa offre la possibilità a Nicoletti (19’) di concludere un’azione bella e caparbia con una gran bordata che non lascia scampo a Sarri. Il gol del pari galvanizza i rossoneri che ora vogliono provare a vincerla. Zeman inserisce forze fresche ma né Ballarini (32’) né Curcio (34’ e 37’) trovano la battuta vincente. Finisce 1-1 con la delusione per la mancata vittoria nella consapevolezza che era alla portata.

FOGGIA-JUVE STABIA 1-1

FOGGIA (4-3-3): Alastra 6; Garattoni 6, Girasole 6, Sciacca 6, Nicoletti 7; Rocca 6, Gallo 5.5 (20’ st Ballarini 5.5), Petermann 6.5; Merola 6.5 (41’ st Merkaj sv), Ferrante 6 (20’ st  Di Grazia 5.5), Curcio 5.
In panchina: Volpe, Markic, Di Pasquale, Vigolo, Garofalo, Di Jenno, Tuzzo.
Allenatore: Zeman 6.
JUVE STABIA  (4-2-3-1): Sarri 6; Donati 6, Tonucci 6, Cinaglia 5.5 (40’ st Caldore sv), Rizzo 6; Altobelli 6, Berardocco 5.5 (21’ st Squizzato 5.5); Panico 6.5, Bentivegna 6 (21’ st Evacuo 5), Stoppa 6 (40’ st Troest sv); Schiavi 5.5 (14’ st Scaccabarozzi 6).
Allenatore: Novellino 6.
In panchina: Lazzari, Maresca, Davì, Della Pietra, Lipari, Esposito.
ARBITRO: Luciani di Roma1 5.5.
RETI: 23’pt Panico, 19’ st Nicoletti. 
NOTE: cielo sereno, terreno in discrete condizioni. Spettatori 4.000 circa. Ammoniti: Cinaglia,  Stoppa. Angoli: 6-3 per il Foggia. Recupero: 2’, 5'.

Nella foto, il gol di Nicoletti



di Lino Mongiello

 

 

Il primo quotidiano di informazione on line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812