Stampa la Notizia

   

MEDIUM FISICI E MENTALI

 

Medium fisici e mentali
 
All’inizio dello scorso secolo si scoprì un gran numero di medium “fisici” attraverso i quali, durante le sedute, gli spiriti compivano cose straordinarie. Alcuni medium levitavano, altri facevano muovere oggetti, apparire luci scintillanti, suonare strumenti musicali senza toccarli. Alcuni sembravano produrre strani mani o piedi senza corpo, chiamati pseudopodi, che pizzicavano, carezzavano e punzecchiavano i partecipanti alla seduta spiritica. Qualche volta i medium fisici producevano una sostanza bianca chiamata ectoplasma, che usciva dai loro corpi e da cui emergevano volti o figure intere. Una medium algerina, Marthe Bèraud, produsse un ectoplasma che prima era simile a vapore, poi gradualmente prese forma. Molti dissero che in realtà l’ectoplasma era mussola o garza sulla quale la donna aveva precedentemente disegnato facce, gambe e braccia. I testimoni oculari ritennero questa spiegazione inaccettabile.
Oggi la maggior parte dei medium sono “mentali”, vuol dire che limitano  la loro attività a riferire messaggi dall’aldilà. Alcuni preferiscono lavorare con una persona alla volta, altri tengono riunioni pubbliche durante le quali molti spiriti parlano ai partecipanti. I messaggi ricevuti vanno dalla semplice assicurazione che uno spirito è felice alla dettagliata disapprovazione del comportamento di un parente. La signora Osborne Leonard tenne centinaia di sedute negli anni Venti: parlava in uno stato di trance con il suo “controllo”, uno spirito di nome Feda. A dimostrazione della sua esistenza, Feda prevedeva futuri articoli di giornale, e diceva ai partecipanti alla seduta ciò che era scritto su una  pagina a caso di un  libro della loro biblioteca. 
Alcuni ricercatori dicono che i medium usano inconsciamente la telepatia, leggendo il pensiero di coloro che partecipano alle sedute spiritiche per ricavarne informazioni. Spesso però emergono fatti ignorati dal partecipante alla seduta. Un soldato morto disse a sua cugina di dare alla sua fidanzata una spilla da cravatta che gli era appartenuta. La cugina ignorava l’esistenza della fidanzata che, però, alla fine fu reperita. Mentre sono in trance, alcuni medium parlano lingue che non conoscono. Si è pensato che nel passato possano aver visto quella lingua scritta da qualche parte e che inconsciamente l’abbiano ricordata. Tuttavia nessuna teoria riesce a spiegare l’intera gamma delle abitudini di un medium.
Emy Dell’Aquila                                       

di Emy Dell'Aquila

 

 

Il primo quotidiano di informazione on line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812