Stampa la Notizia

   

LA RADIOTERAPIA DEL MIULLI migliori del Mondo
Maggiore precisione e miglior monitoraggio durante la cura dei tumori.

 

Bari, 23 febbraio 2021.

A circa un anno e mezzo dall'inaugurazione del Miulli.art – il Centro di Radioterapia Oncologica dell’Ospedale Generale Regionale “F. Miulli” – l'emergenza Covid-19 non ha fermato la cura dei pazienti oncologici, portando al trattamento di circa 900 pazienti nel 2019 e 1200 nel 2020. La grandissima attenzione fornita sia dal punto di vista terapeutico che psicologico trova oggi un nuovo traguardo grazie alla possibilità di eseguire trattamenti radianti senza esecuzione di markers cutanei e/o tatuaggi. Grazie all’utilizzo di sistemi di radioterapia guidati dalla superficie corporea si ottengono dunque una maggiore precisione e un miglior monitoraggio durante il trattamento radiante.

«Dal punto di vista del paziente, i tatuaggi non sono ben accettati per diverse ragioni», spiega la Dott.ssa Alba Fiorentino Direttore dell’U.O.C. Radioterapia Miulli ART. «Si tratta di tattoo visibili per sé e per gli altri, indelebili, che rappresentano un ricordo costante e indesiderato della terapia e spesso in conflitto con credenze socio-religiose».

Ad oggi, L’Ente Ecclesiastico Ospedale Generale Regionale “F. Miulli” di Acquaviva delle Fonti è il primo centro in Italia ad eseguire trattamenti radioterapici senza tatuaggi grazie all’utilizzo di AlignRT, il sistema di SGRT (Surface Guided Radiation Therapy).

di Redazione

 

 

Il primo quotidiano di informazione on line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812