Stampa la Notizia

   

Il Foggia innesta la quarta: 3-0 al Messina
Buona prova dei rossoneri che nella ripresa regolano i siciliani. Superato il Lecce in classifica

 

Foggia, 4 febbraio 2017.

Il Foggia coglie il doppio successo consecutivo allo Zaccheria spedendo  il Messina (3-0) all’inferno. Così la compagine rossonera, alla quarta vittoria di fila ed otto gol messi a segno nelle ultime due gare, vola in testa alla classifica, in attesa del posticipo tra Catania e Matera. Non è stato però facile aver la meglio sulla squadra siciliana. Salita in Puglia con la consapevolezza di non aver nulla da perdere e giocarsela in tutta tranquillità. Infatti i giallorossi hanno tenuto in scacco i quotati avversari per tutto il primo tempo e per i primi 10’ della ripresa. Poi è uscito fuori il maggior tasso tecnico dei rossoneri e non c’è stata più storia. Eppure un paio di disattenzioni nella prima parte di gara potevano costar care. Quel Milinkovic così tanto cercato dalla società foggiana, è stata una vera e propria spina nel fianco della retroguardia di casa. Dai suoi piedi sono partite le due occasioni che, per fortuna, sono state sventate da Guarna. Per circa un’ora il Messina ha impedito al Foggia di ragionare. Di esprimere il solito gioco fatto di passaggi in velocità, di sovrapposizioni sulle fasce e di verticalizzazioni in profondità. Per i primi 45’ i satanelli si sono intestarditi nell’azione solitaria che, puntualmente, si infrangeva contro il solido muro eretto e voluto da Lucarelli. Chiricò (8’) ha impegnato Berardi. Agnelli (16’) ha calciato malissimo da buona posizione. Il Messina non è stato a guardare e con Milinkovic ha creato un paio di occasioni favorevolissime, non sfruttate. Ha prima servito un assist per Da Silva (20’) ma il tiro di quest’ultimo è stato provvidenzialmente deviato da un difensore. Poi, sfuggito al distratto Coletti, ha servito ad Anastasi (36’) il pallone dello 0-1. Strepitoso l’intervento di Guarna a salvare da un quasi sicuro 0-1. Poi (39’) ha tentato la soluzione personale, terminata di poco fuori bersaglio. Ad un deludente primo tempo, il Foggia ha risposto in modo diverso ed esaltante nella ripresa. Berardi s’è esaltato togliendo a Mazzeo (7’) la soddisfazione del gol. Ma qualche minuto più tardi non gli è riuscito il bis. In soli due minuti il Foggia ha sferrato un micidiale e decisivo uno-due. Che ha steso al tappeto il Messina.  Rubin, dalla sinistra, ha servito Mazzeo (12’), la cui deviazione non ha lasciato scampo a Berardi. Subito dopo Deli (14’), su invito di Agazzi, ha raddoppiato. Il Messina, tramortito dall’uno-due, non è stato in grado di reagire e il Foggia ne ha approfittato, andando ancora a segno. Un tiro-cross di Deli (31’) è stato sfortunatamente deviato da Palumbo alle spalle di Berardi. Il Messina poi è rimasto anche in dieci uomini per l’espulsione di Madonia (33’) ed ha definitivamente spento ogni velleità minima di siglare almeno il gol della bandiera. Il Foggia ha continuato a spingere ed avrebbe potuto arrotondare ulteriormente il punteggio ma i tentativi di Sicurella (34’) e Deli (40’) sono stati neutralizzati da Berardi e quello di Martinelli (43’) è terminato di poco alto sulla traversa.  L’obiettivo “doppietta” in casa è stato raggiunto. Ed ora “testa” al derby col Taranto, presentandosi probabilmente , da capolista.

Foggia – Messina 3 – 0
Marcatori: 12’ s.t. Mazzeo, 14’ Deli, 31’ Palumbo (aut.).
Foggia: Guarna 6.5, Loiacono 6, Rubin 7 (16’ s.t. Gerbo 6.5), Agnelli 6 (26’ s.t. Sicurella 6), Coletti 5.5, Martinelli 6, Chiricò 6, Agazzi 6.5, Mazzeo 6.5, Deli 6.5, Sainz-Maza 6 (21’ s.t. Di Piazza 6). A disp.: Tucci,  Figliomeni, Vacca, Sarno, Dinielli, Pompilio, Sanchez, Sansone, Pertosa. All.: Stroppa 6.5.
Messina: Berardi 6, Grifoni s.v. (30’ p.t. Palumbo 5.5), De Vito 6, Sanseverino 6, Bruno 5.5, Rea 5.5,  Da Silva 6 (13’ s.t. Madonia 5), Musacci 6, Anastasi 6, Mancini 6 (29’ s.t. Ciccone s.v.), Milinkovic 6.5. A disp.: Russo, Capua, Saitta, Akrapovic, Ricozzi, Benfatta, Marseglia, Ferri, Ansalone. All. Lucarelli 5.5.
Arbitro: Andrea Zingarelli di Siena 6.5;
1° assistente: Francesco Gnarra di Siena 6.5;
2° assistente: Lorenzo Meozzi di Empoli 6.5;

Note: Terreno in buone condizioni. Spettatori paganti 10.000 circa (una trentina i tifosi ospiti nell’apposito settore riservato). Ammoniti: Loiacono, Agnelli (F), Bruno, Milinkovic (M). Espulso al 33’ Madonia per aver rivolto una frase offensiva nei confronti dell’arbitro. Angoli: 5 – 4 per il Foggia. Recuperi: 2’ e 4’.

Nella foto l'autogol del 3-0

di Lino Mongiello

 

 

Il primo quotidiano di informazione on line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812