Stampa la Notizia

   

Caserta incorona Re Pietro. E il Foggia fa festa
Carattere, orgoglio e ... Re Pietro XX. Il Foggia espugna Caserta e si porta in seconda posizione

 

Caserta, 9 aprile 2016.

Con una doppietta del solito Iemmello il Foggia espugna il Pinto di Caserta (1-2), aggancia in classifica il Lecce in seconda posizione e si porta a sole tre lunghezze dalla capolista Benevento che però disputerà lunedi il posticipo in quel di Cosenza. La compagine rossonera ci ha messo cuore, grinta e tanta buona volontà per portare a casa tre punti fondamentali in ottica promozione. Non si è mai scomposta, nonostante i vari episodi negativi che hanno caratterizzato i 96’ di gara. E, alla fine, ha ottenuto il giusto premio. Vittoria e tre punti che ci stanno tutti. Meritatamente. Quando il Foggia decide di giocare al calcio non ce n’è per nessuno. E la stessa Casertana, dopo il ko dell’andata, ha dovuto ancora una volta subire l’onta del “tappeto”. Davvero superiore la squadra dauna rispetto ad una compassata Casertana. Ma, molto probabilmente, il merito è soprattutto del Foggia che, a dispetto di quanti lo vedevano sulle “gambe”, ha dimostrato di correre fino all’ultimo respiro di un match disputato per quasi mezzora, in dieci uomini. Chissà se la rincorsa del Foggia sarà premiata. Sicuramente la squadra di Mister De Zerbi  dimostra maggior concretezza rispetto al passato. Nell’undici da opporre alla Casertana Mister De Zerbi cambia solo due pedine rispetto a quello schierato contro il Catania. Rientra in formazione Angelo dopo lo stop per squalifica e a fargli posto è Chiricò mentre Sainz-Maza è preferito a Floriano. La gara è di vitale importanza per le due contendenti, appaiate in terza posizione a quota 53. Chi vince continuerà a cullare il sogno di una rimonta difficile, ma sempre possibile e, comunque servirà a blindare un posto nei pleyoff. Il Foggia si presenta al Pinto concentratissimo e determinato. Voglioso di proseguire il filotto di tre vittorie consecutive. Gli bastano pochi minuti per lanciare un segnale importante agli avversari e alla partita. La fase di studio, infatti, è molto breve e i satanelli aprono immediatamente le danze. “Re” Pietro Iemmello (8’), ben lanciato da Vacca, si presenta davanti a Gragnaniello e lo supera con un preciso rasoterra. E’ il diciottesimo sigillo del “Re” catanzarese. La gara si fa dunque in discesa per i rossoneri che dopo aver acquisito il prezioso vantaggio, pur non spingendo con convinzione da l’impressione di poter gestire con tranquillità le sorti del match. EIl Foggia è spettacolare  da vedere. Peccato che negli ultimi sedici metri non trovi la giusta precisione nel passaggio. Di palle-gol non se ne vedono più, almeno fino all’errore della difesa della Casertana. Ma Angelo (35’) non ne approfitta sparando alle stelle da ottima posizione. Il Foggia fa un buon filtro a centrocampo ed un pressing molto alto, asfissiante, che non permette di ragionare agli uomini di Tedesco. A beneficiarne è la retroguardia ospite che non soffre e non deve ricorrere mai a prestazioni oltre l’ordinarietà. Ovviamente per la Casertana si fa dura. Non trovando sbocchi in fase offensiva, soprattutto contro un avversario che non gli consente di respirare, è davvero proibitivo tentare la via della rete. Così l’unico velleitario tentativo verso la porta difesa da Narciso è di  Idda (37’) dalla lunga distanza ma la conclusione è tutta da dimenticare. Il Foggia, come detto, si limita essenzialmente ad amministrare il match con la fitta rete di passaggi in velocità, in attesa di poter trovare il varco giusto che possa creare difficoltà agli avversari. Ma nulla più avviene fino al duplice fischio del Sig. Amoroso che non concede recupero. Ad inizio ripresa si infortuna Narciso (3’) ad una spalla e De Zerbi è costretto a sostituirlo con Micale. E pochi minuti più tardi (9’) la Casertana pareggia. Giannone batte un calcio di punizione e la sfera, deviata dalla schiena di Sarno, beffa il neo entrato e sfortunato portiere rossonero.  Non è finita. Piove sul bagnato in casa Foggia. Capitan Agnelli (28’) viene espulso per doppia ammonizione. Anche se il secondo giallo è molto severo. L’inferiorità numerica non frena il Foggia che triplica gli sforzi. De Zerbi corre ancora ai ripari. Dopo aver inserito Floriano per Sainz-Maza getta nella mischia anche Gerbo per Sarno. E le emozioni non si esauriscono. Di Chiara (31’) fila come un treno nell’area campana e, a contatto con un avversario, cade. Il Sig. Amoroso non ha dubbi nel concedere la massima punizione. Sul dischetto ci va Iemmello (32’) e realizza il suo ventesimo gol, nonostante Gragnaniello sfiori la sfera. Il Foggia potrebbe colpire ancora ma, clamorosamente, Floriano (35’) a porta spalancata non riesce a finalizzare in rete il preciso assist di Vacca. La Casertana è molto confusa e cerca con un disordinato forcing finale, di riportarsi in parità. Ma il Foggia non si concede distrazioni e porta a casa una bella vittoria. Con tutta la squadra a festeggiare sotto il settore della tifoseria al seguito, con il “Re” issato sulle spalle di Vacca. I due migliori in campo tra i rossoneri.

CASERTANA - FOGGIA 1 – 2
Marcatori:  8’ p.t. Iemmello, 9’ s.t. Giannone, 32’ Iemmello (rig.).

CASERTANA: Gragnaniello 5.5, Rainone 5, Pezzella 6 (33’ s.t. Negro s.v.), Capodaglio 6, Idda 5.5 (20’ s.t. Bonifazi 5), Potenza 5, Mangiacasale 6, Agyei 5, Alfageme 5.5, Giannone 6, De Angelis 5.5 (25’ s.t. Mancosu 5). A disp.: Maiellaro, Murolo, Finizio, De Marco, Som, Tito, Marano, Jefferson, Matute. All. A. Tedesco 5.

FOGGIA: Narciso 6 (5’ s.t. Micale 6), Loiacono 6, Di Chiara 6.5, Agnelli 6, Coletti 6, Gigliotti 6, Angelo 6.5, Vacca 8, Iemmello 8, Sarno 6 (28’ s.t. Gerbo 6), Sainz-Maza 6 (25’ s.t. Floriano 6). A disp.: Lauriola, Agostinone, Quinto, Lodesani, Arcidiacono, Chiricò, Riverola, De Gennaro. All. R. De Zerbi 7.

Arbitro: Carlo Amoroso di Paola 6.
1°Ass.:   Francesco Rossini di Padova 6.
2°Ass.:  Flavio Zancanaro di Treviso 6.

Note: Cielo nuvoloso con leggera pioggerellina. Terreno in discrete condizioni. Spettatori 3.000 circa. Ammoniti: Idda, Agyei (C), Vacca, Iemmello (F). Espulso Agnelli (28’) s.t. per doppia ammonizione. Angoli: 5 – 2 per la Casertana. Recuperi: 0’ e 6’.

Nella foto il calcio di rigore dell'1-2

di Lino Mongiello

 

 

Il primo quotidiano di informazione on line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812