Stampa la Notizia

   

La lepre marzolina

 

La lepre marzolina

 
Cari amici e amiche

Non molti sanno che a marzo vengono celebrate numerose feste per lo più legate a leggende e a tradizioni antichissime, tra queste c’è la lepre marzolina. Una festa solare che appartiene all’equinozio di primavera e ai temi del fuoco e della luce: fertilità e luce sono, infatti, i miti primaverili sopravvissuti nel folclore non solo europeo. A Eostre (che significa Stella dell’Est – Venere), dea della fertilità dei Sassoni, era sacra la lepre il cui comportamento, nel mese di marzo, ricordava agli inglesi quello di una congrega di streghe danzanti. La parola Est deriva dal nome della dea, ma Est è anche la direzione a cui è collegato l’equinozio di primavera. Nella tradizione degli Indios d’America, la Grande Lepre è l’eroe dell’alba, il salvatore, il creatore e padrone dei venti e il fratello della neve. Associato allo spirito del grano, questo animale è soprattutto collegato alla sessualità e alla fertilità, tanto che i Greci antichi lo consacravano ad Afrodite e a suo figlio Eros. E non è certo un caso, per esempio, che Alice nel Pese delle Meraviglie incontri una lepre marzolina.

Emy Dell’Aquila

di Emy Dell'Aquila

 

 

Il primo quotidiano di informazione on line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812