Stampa la Notizia

   

L’Adorazione dei Magi

 

Nell’aria si respira l’atmosfera del Natale anche quest’anno e da più parti giungono le dolci note delle melodie natalizie italiane e straniere. Sono tanti i palpiti della città: nervosa e concitata nei momenti di punta, sonnolenta nelle mattinate festive o pittoresca nei giorni del mercato e delle ricorrenze, in questo periodo sfavillante di luci e di regali, propri della società consumistica.

Possiamo vivere il Natale come nostalgia dell’infanzia o di un tempo che ha qualcosa di magico e di fiabesco, quindi simbolo di un’età perduta. Viceversa con sentimento più autentico, inteso come momento di riflessione e di pausa in seno all’ambiente che ci è più caro, come quello intimistico del poeta: «Non ho voglia / di tuffarmi / in un gomitolo / di strade / Ho tanta / stanchezza / sulle spalle. / Lasciatemi così / come una / cosa / posata / in un / angolo / e dimenticata. / Qui / non si sente / altro / che il caldo buono. / Sto / con le quattro / capriole / di fumo / del focolare».(Giuseppe Ungaretti)

Il nostro rapporto di preghiera con Dio risente di tante impostazioni in cui è predominante il bisogno e non lo stupore, la gratitudine, il dialogo, l’amore verso il Divin Bambino adagiato nella mangiatoia del Presepe. Sentimenti che hanno accompagnato l’umanità attraverso i secoli, come si deduce dalla sostanziale diversità nell’interpretazione di questo avvenimento biblico, secondo il periodo storico in cui la Natività è stata oggetto della manifestazione artistica: dall’Adorazione dei Magi, opera di Giotto, procedendo sino ai giorni nostri.

E’ il regno della nostra affermazione, insieme alla volontà di riuscire,  quasi sempre il punto centrale della nostra preghiera, pur se a parole chiediamo che venga il Regno e sia fatta la Sua volontà. Questo prezioso tempo del mistero liturgico, che ci apprestiamo a rivivere, può essere abitato realmente da Cristo, che tiene cattedra nel cuore di ognuno, come diceva Sant’Agostino.

 

di Rina Di Giorgio Cavaliere

 

 

Il primo quotidiano di informazione on line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812