Stampa la Notizia

   

Le ciliegie amare di Marasco
E’ costata cara al centrosinistra non riconoscendo l'apparentamento con Lavoro e Libertà

 

Foggia, 10 giugno 2014.

E’ costata cara al candidato sindaco del centrosinistra Augusto Marasco, non  aver riconosciuto  l’accordo sottoscritto per l’apparentamento con la lista Lavoro e Libertà di Alfredo Urbano e di Pino Lonigro, di Socialismo Dauno.

Lonigro alla vigilia dell’8 giugno aveva dichiarato, che i componenti la lista Lavoro e Libertà, si sarebbero astenuti  dal recarsi al voto per il ballottaggio, e che lui, sarebbe andato in campagna a raccogliere le ciliegie, invitando i trentadue componenti a fare lo stesso.

Un raccolto di ciliegie, che sono diventate amare per Augusto Marasco, che senza i voti di Socialismo dauno ha perso le elezioni e dato la possibilità al centrodestra di tornare a Palazzo di città, dopo dieci anni.

Tutti a raccogliere ciliegie?
Da fonti bene informate si è saputo che parte dei componenti la lista Lavoro e Libertà avrebbero invece dato il voto a Franco Landella per condannare la presunzione del candidato del centrosinistra e della sua mancata parola data ad una lista che contava addirittura quasi sei mila consensi.

di Gerardo Leone

 

 

Il primo quotidiano di informazione on line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812