Stampa la Notizia

   

Prima rassegna Cultura felix al Santa Chiara
Applausi e soddisfazione per il noto giornalista e scrittore

 

Foggia, 9 giugno 2014.

Applausi e soddisfazione ieri sera dal pubblico intervenuto numeroso e attento all'incontro con il noto giornalista e scrittore italiano Federico Rampini. Gremito l'Auditorium Santa Chiara che ha registrato il tutto esaurito per il primo appuntamento settimanale della rassegna Cultura felix promossa dalla Fondazione Apulia felix.

Federico Rampini ha portato in scena e raccontato a Foggia e ai foggiani lo scenario politico ed economico internazionale e il ruolo dell’Italia nell’Europa disgregata dei nostri giorni. Il racconto, si è avvalso della complicità delle musiche scelte da Gianna Fratta e Dino De Palma e della conduzione di Enrico Ciccarelli.

Attraverso i suoi ultimi tre lavori: “Banchieri”, “La via maestra”, il libro-intervista con Giorgio Napolitano e “La trappola dell’austerity”, Rampini da viaggiatore globale ha illustrato il ruolo dell’Italia nel mondo ripercorrendo le fasi salienti del settennato 2006-2013 di Giorgio Napolitano e le idee guida dell'azione del Presidente sul versante internazionale, incentrata su due scelte fondamentali di politica estera: la prima  quella del dare nuovo vigore alla prospettiva europeista, la seconda scelta una decisa visione transatlantica.  Con “Banchieri” Rampini ha affrontato un altro scottante argomento: chi sono i banchieri di oggi, come hanno potuto adottare comportamenti tanto perversi, assumersi rischi così forti e agire in modo talmente dissennato da provocare un'autentica Pearl Harbor economica, sprofondando l'Occidente nella più grave crisi degli ultimi settant'anni. "I banchieri sono i grandi banditi del nostro tempo. Nessun bandito della storia ha mai potuto sognarsi di infliggere tanti danni alla collettività quanti ne hanno fatti i banchieri". L’analisi politco-economica di Rampini si è spostata, infine, con interessanti riflessioni, sull’austerity e le correlate politiche nefaste che stanno indebolendo e portando all’esasperazione un’Europa sempre più colpita dall’allargamento delle disuguaglianze sociali.
Un racconto avvincente sul tempo in cui viviamo, descritto dalle atmosfere demoniache della Danza macabra di Camille Saent-Saëns, dalla scrittura virtuosistica delle Variazioni di bravura sulla IV corda di Niccolò Paganini, tratte dal Mosè in Egitto di Rossini e dalla rocambolesca Zingaresca di Pablo de Sarasate. Brani musicali perfettamente aderenti alle tre tematiche trattate e magistralmente eseguiti dai due Maestri Gianna Fratta (pianoforte) e Dino De Palma (violino) più volte applauditi per la loro straordinaria performance.

La serata si è conclusa con la consegna a Federico Rampini del sigillo della Fondazione Apulia felix donato dal Presidente Giuliano Volpe che ha espresso grande soddisfazione per il successo di questo primo incontro.

Intanto stasera la rassegna Cultura felix continua con il concerto "Mani, archi e fili di perle" della nota cantautrice e artista romana Pilar che salirà sul palco dell'Auditorium Santa Chiara alle ore 21.00 accompagnata da Federico Ferrandina alla chitarra e Andrea Colella al contrabbasso. 

Ingresso libero a partire dalle ore 20.00 fino ad esaurimento posti. Il calendario degli eventi in rassegna sono disponibili sul sito www.apuliafelix.org.
Per informazioni contattare la segreteria organizzativa: Piazza Santa Chiara, Foggia mob. + 39 334 2058322 e-mail: info@apuliafelix.org
sito web: www.apuliafelix.org 

di Redazione

 

 

Il primo quotidiano di informazione on line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812