Stampa la Notizia

   

Le liriche di LISABLU

 

Carissimi,

 

ogni volta che leggo una lirica di LISABLU, la mia anima si nutre di sogni, speranze e Amore. Amore che traspare da ogni singola parola che la nostra giovane poetessa a ordito con vera passione. Parole che cullandoci come fossero onde di mare ci trasportano  in storie antiche come gioielli da custodire nel tempo. 

 

 

 

La mia Speranza

 

Un sorriso e nulla di più

è il valore di una storia antica

Uno sguardo

riflesso in occhi diversi,

in un desiderio a lungo custodito.

E la Speranza

è una poesia scritta fra dieci anni

è l'ultima parola di una canzone

ancora da comporre.

E’ la fotografia di un bambino

che sta per nascere

è un fiore delicato

che germoglierà l'anno prossimo.

Tu soltanto, promettimi

che ti lascerai vedere

quando domani mi sveglierò.

Soltanto promettimi

che mi sorriderai

quando ti accorgerai del mio sguardo

e tenderai le mani, stringerai le mie dita.

Tu soltanto, promettimi

che sarai la mia speranza.

 

 

 

 

RISTI ECHI DI CIÒ CHE FU

 

 

Ricordo

come attraverso i suoi occhi

lei che correva.

Correva sotto un cielo di piombo

sotto alberi tetri, e lacrime e lacrime.

Il respiro che veniva a mancare

e il cuore che rombava furioso,

rovi che graffiavano, graffiavano.

Graffiavano le gambe nude.

Ricordo

come attraverso i suoi occhi

il tuo sguardo disperato

le tue mani attorno la tua prigionia

la tua voce che chiamava, chiamava

chiamava.

E lei tese le braccia

inconsapevole del destino alle sue spalle.

Fu un gesto. Fu un grido.

Fu un attimo. E i suoi occhi, i suoi occhi si chiusero.

 

 

IMPRONTE SULLA SABBIA

 

 

Una piccola onda azzurra

in mezzo a tante altre onde azzurre.

Una piccola cresta di bianca spuma

uguale a tutte le altre.

Un piccolo movimento

che per esistere anela il Vento.

Un piccolo movimento

che al termine del suo viaggio

accarezzerà la riva

lasciando un'impronta sulla sabbia,

destinata a svanire

sotto tante altre impronte.

Ma se il Vento

volgerà il suo sguardo.

Se il Vento

soffierà attraverso di me,

diverrò Maremoto

e stravolgerò tutto intorno a me.

E sarò io a trasformare il mondo in sabbia

e sulla sabbia, sulla sabbia

non ci saranno che le mie impronte.

Perché vorrei che tu capissi

quanto il tuo amore mi rende forte.

 

INCHIOSTRO SBIADITO

 

Inchiostro sbiadito

su lettere di tanto tempo fa.

 Volti che erano più giovani

in fotografie che han preso polvere.

Pensieri che son stati,

che han preso il volo in sere d'inverno,

e si sono dissolti sulla curva dolce

di una falce di bianca Luna.

Sulla punta delle dita li accarezzo

assaporandoli ancora una volta

prima di lasciare che riprendano il volo.

 

di Giusy Carbonaro

 

 

Il primo quotidiano di informazione on line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812