Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

 

La Natività


di Rina Di Giorgio Cavaliere

 

Non possiamo sottovalutare gli elementi di costume che le festività natalizie comportano e soprattutto non scoprirvi i valori umano-cristiani che sottintendono e testimoniano. Nel contempo è quanto mai opportuno soffermarci su come viene percepito e vissuto questo periodo particolarmente condizionato nel settore economico a causa della pandemia in corso: forte calo dei consumi e insicurezza. Vi è stata una modifica agli acquisti in termini di quantità e di genere, essendosi spostati sui prodotti agroalimentari e di prima necessità, mentre rispetto agli anni precedenti hanno registrato un sensibile aumento le transazioni con bancomat e carte di credito per effetto dell’operazione cashback e per evitare il contagio.

La notizia della riapertura delle botteghe artigiane in via San Gregorio Armeno, la strada dei presepi di Napoli ha riportato nella sua tradizione questo Natale 2020. Nella storia del presepe a Napoli (è del 1025 il primo riferimento documentato) dobbiamo ricordare San Gaetano Thiene, compatrono della città accanto a San Gennaro, che nel 1534 nella chiesa della Stelletta vicino all’Ospedale degli Incurabili dispose nel presepe i personaggi vestiti secondo l’usanza napoletana del momento. Presenta altri elementi unici a cominciare dalla Natività spesso ambientata in ruderi della romanità per attestare la disfatta del paganesimo e la fontana, simbolo della purificazione, prima di giungere alla contemplazione del Divino. Gli artigiani artisti, nell’articolarsi delle scene e nella moltitudine dei protagonisti, adeguano continuamente la rappresentazione con personalità tratte dalla vita culturale, politica e sportiva; quest’anno la statuina di Diego Armando Maradona è la più richiesta, dopo la scomparsa del grande calciatore.

Il mese di dicembre ha avuto sempre la sua tipica colorazione, tutto orientato e incentrato sui simboli del Natale. Venerdì 11 in piazza San Pietro si è svolta la cerimonia d’inaugurazione del presepe monumentale in ceramica, (dono della località abruzzese di Castelli e della Diocesi di Atri -Teramo), con l’illuminazione dell’imponente albero di Natale giunto dalla Slovenia e della figura della Sacra Famiglia rappresentata nella scultura Angels Unawares. Il presepe, fin dai primi secoli dell’era cristiana, ha rappresentato la nascita di Gesù, in cui si realizzano le profezie, evento centrale della fede cristiana e della redenzione del genere umano. In origine è stata raffigurata attraverso affreschi, bassorilievi e incisioni, sarcofaghi e formelle inseriti in edifici del culto. Dall’alto Medioevo nelle chiese e nelle confraternite è stata narrata sotto forma di sacre rappresentazioni sui vari episodi della Natività: l’Annuncio ai pastori, l’Adorazione del Bambino, l’arrivo dei Magi.

Sappiamo che il presepe come culto, giunto sino a noi, risale al 1223, allorquando San Francesco d’Assisi a Greccio mise in una vera mangiatoia un bimbo nato da poco, presentandolo ai fedeli perché lo adorassero. Di fronte all’evoluzione del mondo, la Domenica della gioia ha ricordato a tutti i credenti che la storia della Salvezza è attuale. Gli uomini di oggi, come quelli di ieri, attendono il Messia, il Salvatore. La realtà dell’Incarnazione del Figlio di Dio, che assume nella sua completezza e integralità l’umanità, può adeguatamente far comprendere il significato e la realtà dell’uomo anche nell’Anno Domini 2020.

 


 
31/05/2021 - LO HANNO DETTO IN TV -
08/05/2021 - Solidarietà: ieri e oggi -
17/04/2021 - Dal piccolo schermo alle smart TV -
29/03/2021 - La Santa Pasqua, luce del nostro cammino -
14/03/2021 - Nuovi traguardi nel mondo del lavoro -
22/02/2021 - Il latino nella cultura del presente -
29/01/2021 - Centralità della famiglia -
11/01/2021 - IL DENARO IN RETE -
17/12/2020 - La Natività -
22/11/2020 - Mobilità sostenibile -

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by