Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

 

'Pomodoro, ora basta”
i giovani produttori foggiani contro lo strapotere dell’industria


di CIA Puglia

Foggia, 30 novembre 2021.

– “Sul pomodoro è ora di dire basta: servono patti chiari sui prezzi riconosciuti ai produttori da fissare prima che inizi la campagna; occorre una revisione dell’OI, l’Organizzazione Interprofessionale Pomodoro Centro-Sud oggi schiacciata totalmente sulla voce e il potere della parte industriale e del Napoletano; serve trasparenza sulle indicazioni dell’OI riguardo alla ormai consueta proposta di ridurre le superfici coltivate del 10%, poiché quella indicazione, di fatto, viene sconfessata sul campo proprio dalla parte industriale a seconda delle convenienze del momento. I giovani produttori della provincia di Foggia, ma anche i veterani, sono stufi di questi giochetti: siamo imprenditori, produciamo annualmente circa 23 milioni di quintali di prodotto, abbiamo diritto di sapere per tempo se ci conviene piantare pomodoro e continuare a investire in quell’oro rosso che, alle attuali condizioni, è oro soltanto per la parte industriale, mentre per noi assume il significato di lacrime e sangue”.    
LA RIUNIONE. Sono questi i punti della netta e decisa presa di posizione espressa dai produttori di pomodoro ieri, lunedì 29 novembre 2021, durante l’incontro con le OP della provincia di Foggia (Organizzazioni di Produttori) svoltosi nella sede di CIA Agricoltori Italiani Capitanata. L’incontro era stato chiesto da un gruppo di giovani imprenditori agricoli associati all’organizzazione sindacale in allarme per le prospettive che sembrano prefigurare un forte innalzamento dei costi per la prossima campagna del pomodoro 2022.
“Siamo imprenditori e, come tali, abbiamo diritto a essere messi nelle condizioni di programmare i nostri investimenti avendo tutti gli elementi sui quali fare un’analisi costi-benefici, soprattutto alla luce dei rischi crescenti ai quali siamo esposti rispetto a calamità e aumenti dei costi di produzione. La parte industriale non può continuare ad avere il vantaggio di giocare a carte coperte”, hanno dichiarato i giovani produttori di pomodoro della provincia di Foggia, interpretando anche le preoccupazioni di chi è nel settore da più tempo.


 
24/01/2022 - L'incerta fede - The uncertain faith - 'Uomini e profeti' di è stata...
24/01/2022 - Concorso nuovo logo dei Pugliesi nel Mondo - I lavori devono essere...
20/01/2022 - SAN SEVERO FESTA DI SAN SEBASTIANO - Santa Messa alla presenza delle...
20/01/2022 - “Aziende agricole nella morsa rincari energetici - Carrabba: “Imprese...
20/01/2022 - FUTURO UE: PRESIDENTI REGIONI A CONFRONTO - L'evento, dal titolo...
19/01/2022 - ACCORDO PER PIANO RILANCIO STABILIMENTI PUGLIESI - L’intesa...
19/01/2022 - Uva da vino, a Cerignola e Torremaggiore - “I due comuni siano...
19/01/2022 - Geografia giudiziaria in Capitanata - Lo Stato ha il dovere di...
19/01/2022 - S.SEVERO COSTITUITO IL TAVOLO PER IL LAVORO -
13/01/2022 - “CUSTODIAMO LE IMPRESE”. - PIÙ DI 15 MILIONI DI RISORSE COME RISTORO...
13/01/2022 - PARTE IL DIBATTITO PUBBLICO SULLA NUOVA “GARGANICA - La “superstrada...
13/01/2022 - GESTIONE CASI COVID IN ETÀ PEDIATRICA - È stato siglato oggi...
10/01/2022 - Covid, a Orsara salgono a 79 i casi accertati - sospendere l’attività...
10/01/2022 - REPORT VACCINI LA PULIA PRIMA PER PICCOLI - il 27.4% dei bambini ha...
10/01/2022 - Parcheggi gratuiti per Disabili a Foggia - La richiesta di Giovanni...

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by