Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

 

Parole e fatti nell’universo femminile


di Rina Di Giorgio Cavaliere

L’Osservatorio sui diritti delle donne in Afghanistan è un organismo istituito dalla Commissione per i Diritti Umani del Senato dopo il ritiro delle truppe americane da Kabul. Alcune parlamentari italiane s’impegnano, perché non si spenga l’interesse sul dramma che coinvolge migliaia di donne, costrette a vivere sotto il regime dei talebani in assoluta miseria, private di ogni libertà a cominciare da quella del diritto allo studio. Al di fuori del Parlamento è possibile individuare la presenza di altre organizzazioni, come Pam Italia (Agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di assistenza alimentare, premio Nobel per la pace nel 2020); con Banca Intesa ha lanciato un progetto secondo i principi del World Food Programme che da oltre sessant’anni aiuta le categorie più deboli e sofferenti, per eliminare discriminazioni di razza e di genere. La visione dell’umanità tormentata dalle guerre (si contano 359 conflitti nel mondo, a cui si aggiunge la recente invasione dell’Ucraina), dalle malattie (i due anni di pandemia) e il processo di condizionamento e di massificazione, che sembra poter travolgere ognuno di noi, ci esortano ad agire insieme in difesa del bene comune.

 “La cultura non può essere un privilegio, non può appartenere solo a chi ha elevate capacità di ragionamento, o essere riservata al sesso maschile, la cultura è una dimensione umana, riguarda più l’essere, la vita, che non il sapere; e ciascuno, a modo suo, vi può accedere, se impara a coltivare la propria umanità”. Sono queste le parole del filosofo Jacques Maritain pronunciate nel lontano 1941 durante un discorso inaugurale all’Hunter College di New York e pubblicate da Donald e Idella Gallangher nell’antologia di scritti pedagogici dal titolo “The Education of Man” (University of Notre Dame Press, Notre Dame, 1962). Il tempo è un paradigma importante con cui l’intenzionalità educativa della società deve relazionarsi (dati alla mano, raggiungeremo la parità occupazionale solo nel 2033). Il riconoscimento dell’uguaglianza di diritti per la donna nei confronti dell’uomo ha segnato nella carta mentale della distribuzione spaziale qualitativa (ovvero etnia, cultura, lingue e religioni) delle popolazioni nel mondo una grande conquista umana. In occasione della celebrazione della Giornata internazionale della donna, 8 marzo 2022, dovremo fare un bilancio oppure semplicemente accendere una spia di attenzione sugli obiettivi prefissati in termini di diritti politici, economici e sociali; con quali mezzi e scopi è comunicata l’innovazione considerata necessaria.

Papa Francesco nel Messaggio per la V Giornata Mondiale dei Poveri ha evidenziato il permanere e l’amplificarsi delle disuguaglianze e dei conflitti a danno dei più deboli: giovani, donne, minoranze. In tale contesto un posto estremamente significativo è occupato dalle Caritas Italia. Ricordiamo i 6780 servizi promossi e sostenuti nel 2020; ne hanno beneficiato 1,9 milioni di persone, il 50,9% donne, oltre ai numerosi interventi di oggi in aiuto dei bambini e delle donne ucraine. Nonostante la forte crisi economica, le comunità religiose rimangono il lievito fecondo della vita della Chiesa e i guardiani che l’Europa di oggi deve custodire. Tant’è che san Giovanni Paolo II e Benedetto XVI auspicarono invano l’inserzione nel testo della Costituzione europea, entrata in vigore il 1° dicembre 2009, di un riferimento alle radice cristiane dell’Europa accanto a quelle storiche dell’eredità greco-romana.

La cristianità ha avuto un grande ruolo nel processo di emancipazione della donna. E’ cominciata quando il Vangelo venne predicato a tutti: greci, ebrei, poveri e ricchi, maschi e femmine come esseri chiamati alla stessa vita divina e alla stessa libertà di figli di Dio. Il senso della dignità umana è il contrassegno di ogni civiltà di origine e fondazione cristiana anche quando la nostra mente lo dimentica. I gruppi dominanti sotto il profilo economico, politico e scientifico tendono perlopiù a mantenere o a modificare, nel senso loro voluto, le norme di convivenze e i valori che sono propri di una società. Costituiscono i cosiddetti modelli culturali, che penetrano tanto profondamente nella vita degli uomini da condizionare il loro comportamento pure quando intuiscono l’opportunità di essere diversi.


 
28/11/2022 - Ripensare il futuro -
29/10/2022 - Progresso scientifico e società -
12/10/2022 - CHE GUAIO TELEGRAM -
19/09/2022 - Moderni paradigmi nelle previsioni meteo -
26/08/2022 - E’ boom di reati informatici, anche in Puglia -
01/07/2022 - Viaggiatori o turisti? -
03/06/2022 - Uno skyline dell’agire comunicativo -
04/05/2022 - Emozioni in gioco -
11/04/2022 - I GIORNI SANTI -
28/03/2022 - Contemporaneità, alcune considerazioni -

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by