Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

 

Cronaca sull’educazione


di Rina di Giorgio Cavaliere

Il disagio dell’utenza, il malessere adolescenziale in una vasta platea scolastica sono oggetto di attenta e approfondita analisi qualitativa e quantitativa da parte della scuola e della società. Dividersi le responsabilità è uno dei metodi che tornano utili alla scuola, prima e non unica agenzia per l’educazione e la formazione dei giovani. Nascono così le reti o consorzi fatti di scuola, operatori medici e delle forze dell’ordine, enti comunali o del privato sociale; un circolo educativo unico che va ancora migliorato, ottimizzato, reso più efficiente ed efficace, per aiutare i ragazzi in difficoltà.

I fatti avvenuti presso l’Istituto Tecnico di Lucca e in altre scuole costituiscono l’ulteriore conferma della necessità di rafforzare l’essenziale funzione educativa della scuola, in una visione coerente dei percorsi formativi dei nostri allievi, dalla materna all’università. Il potenziamento delle occasioni d’impegno, di ascolto e di relazione servono a incrinare una sorta di cinismo generalizzato e pericoloso, in cui diventa sempre più difficile comunicare realmente qualcosa, perché rivesta significato e valore.  Intanto la percezione degli eventi da parte dei ragazzi risulta deformata dai messaggi in rete, con immagini e commenti che potrebbero saltare a piè pari la possibilità del filtro critico gestito dalla famiglia.

Tutto il contesto risulta dominato dall’apporto diretto tra il mercato dei media e l’utente; ma non dobbiamo indulgere alla cultura della crisi. Prendere sì atto della trasformazione continua della società, in quanto essa crede al significato e al valore dell’intenzionalità e dell’educabilità di ogni persona. Senza ignorare le motivazioni che possono indurre ad adottare un comportamento che viola le regole sociali, quasi sempre dipendente dalle condizioni ambientali, ma anche dall’esigua capacità dell’individuo nel reagire a tali condizionamenti.

Per quanto riguarda il concetto di prevenzione che attiene alla sfera sociale, sottolineare, poi,  l’esigenza di ritornare ad alcune riletture che corrono il rischio di non avere più il sapore della cultura pedagogica e di cadere nell’oblio di un mondo solo emotivamente interessato a fare cronaca sull’educazione, come si evince dal testo “Alla ricerca della pedagogia perduta” di Giuseppe Vico (La Scuola, Brescia 2000), che vuole creare un connubio tra memoria e progetto dell’esperienza educativa.


 
28/11/2022 - Ripensare il futuro -
29/10/2022 - Progresso scientifico e società -
12/10/2022 - CHE GUAIO TELEGRAM -
19/09/2022 - Moderni paradigmi nelle previsioni meteo -
26/08/2022 - E’ boom di reati informatici, anche in Puglia -
01/07/2022 - Viaggiatori o turisti? -
03/06/2022 - Uno skyline dell’agire comunicativo -
04/05/2022 - Emozioni in gioco -
11/04/2022 - I GIORNI SANTI -
28/03/2022 - Contemporaneità, alcune considerazioni -

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by