Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

 

'...non giudici bensì educatori'


di Rina Di Giorgio Cavaliere

Gli esami di stato si sono da poco conclusi per migliaia di studenti, ma il mondo della scuola registra ancora proteste e cortei degli insegnanti per la riforma del sistema scolastico, approvata dalla Camera dei Deputati, per il via libero definitivo previsto in settembre.

I nostri studi relativi alle problematiche dell’indagine psicopedagogica sugli esami non poterono competere inizialmente con quelli presenti in altre nazioni come la Francia, la Svizzera, il Belgio, l’Inghilterra e soprattutto gli Stati Uniti. L’Italia non aveva partecipato all’inchiesta internazionale, avente per oggetto concezioni, metodi, tecniche e importanza pedagogica e sociale degli esami e concorsi, patrocinata dalla Carnegie Corporation sotto gli auspici dell’International Institute of Education of Teacher’s College della Columbia University. Parliamo degli anni tra il 1930 e 1940, allorché si realizzò un fecondo scambio di idee con altre commissioni, inoltre l’inizio di ricerche e di una produzione scientifica al riguardo.

Da noi l’argomento cominciò a porsi soltanto dopo il secondo conflitto mondiale; negli anni Cinquanta ebbe inizio un lavoro di riflessione e d’indagine per allineare il paese con quelli industrialmente più progrediti circa un problema di così grande rilevanza pedagogica e sociale. I primi studi richiamarono l’attenzione degli educatori e degli uomini di scuola sull’insufficienza del sistema valutativo tradizionale per concordare con quelli di altri ricercatori stranieri: Wilson e Hoke (Stati Uniti), Hartog e Rhodes (Inghilterra), Laugier e Piéron (Francia).

La critica docimologica mostrava la fragilità dei mezzi tradizionalmente impiegati; cercava di migliorare mediante nuove tecniche gli esami scritti e intendeva rinnovare, attraverso l’impiego di più adeguati strumenti, gli esami orali. Alcuni studiosi italiani, tra cui De Castro, Visalberghi e Calonghi, nelle loro considerazioni globali espressero perplessità circa gli elementi soggettivi che possono introdursi nei momenti della valutazione: al livello dello stimolo, nella valutazione delle risposte e nelle espressioni del giudizio.  In seguito gli studi compiuti in Italia sono stati in proposito numerosi anche sotto l’aspetto psicologico, il nesso tra intelligenza ed esito scolastico; ci riferiamo ai contributi di Andreani, Canestrari, Lepore.

Autori come l’Agazzi, sulla scorta di vari documenti redatti in sede di Consiglio d’Europa, si sono occupati degli esami sotto il profilo pedagogico; sua l’esortazione agli insegnanti “ad esercitare con coscienza ed efficacia la funzione non di giudici bensì di educatori”. In sintesi l’attività scolastica ha come fine la formazione e l’educazione dell’alunno secondo i tratti che gli sono propri; il programma è solo un mezzo per raggiungere questa meta, mentre l’esame ha come scopo l’avvaloramento della personalità, nel cui ambito la formazione dell’intelligenza e degli abiti mentali, sono assai più importanti di quanto non sia il nozionismo o il verbalismo.

Anche l’accesso agli studi universitari e il proseguimento in essi implicano una serie di fattori positivi che i precedenti ordini di scuola devono gradualmente porre in luce. In questo d’altronde consiste la funzione essenziale degli esami, stabilire i livelli di cultura e di umanità, accertare abilità e attitudini necessarie per assolvere determinati compiti nella società del domani.


 
19/09/2022 - Moderni paradigmi nelle previsioni meteo -
26/08/2022 - E’ boom di reati informatici, anche in Puglia -
01/07/2022 - Viaggiatori o turisti? -
03/06/2022 - Uno skyline dell’agire comunicativo -
04/05/2022 - Emozioni in gioco -
11/04/2022 - I GIORNI SANTI -
28/03/2022 - Contemporaneità, alcune considerazioni -
27/02/2022 - Parole e fatti nell’universo femminile -
04/02/2022 - Sulla felicità del pianeta -
09/01/2022 - Scheda di un bene ambientale -

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by