Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

CLASSIFICAGIORNATE - RISULTATI

 

Il Foggia è il vero 'Gladiator' ! E ora il Matera
Memorabili i ragazzi di Padalino. Sul 2-4 (ma sarà 0-3), gara sospesa con il Gladiator in sei uomini


di Lino Mongiello

Santa Maria Capua Vetere, 12 maggio 2013.

Dal big-match del “Piccirillo” esce vittorioso, meritatamente, il Foggia di Padalino. E lo fa col piglio della grande squadra, al termine di una condotta di gara esemplare. Da veri “Gladiator” ! Dunque a proseguire il cammino nei playoff sarà il Foggia che già mercoledi si recherà a far visita al Matera. Ma per raggiungere la finale del girone, gli “immensi” ragazzi in casacca rossonera si sono resi protagonisti di una impresa che sicuramente resterà nella storia. Senza lasciarsi minimamente intimidire dall’ambiente e dagli avversari che hanno badato più a giocare a calci che al calcio, hanno surclassato la seconda forza della regular season. Però i veri “Gladiatori”, come già detto, sono risultati Agnelli e compagni che, alla fine, hanno strapazzato l’imbattuta compagine casertana infliggendole sul loro campo  un sonoro 2-4 (che sarà commutato in 0-3 dal Giudice Sportivo). Infatti, a poco meno di cinque minuti dal termine del secondo supplementare, a risultato ormai deciso e ridotti in sei uomini, i campani hanno abbandonato il campo. In sostanza, alle quattro espulsioni decretate dall’ottimo Sig. Minotti di Roma2 s’è aggiunto l’infortunio di Terracciano. Come da regolamento la gara è stata sospesa. C’è da dire che il match aveva preso una brutta “piega”. I padroni di casa s’erano dedicati esclusivamente a mettere in pratica una vera e propria caccia all’uomo e, per fortuna, il direttore di gara non s’è fatto minimamente influenzare nel sanzionare quasi tutte le scorrettezze, estraendo i cartellini sia gialli sia rossi. Cosa che è stata poco “gradita” dal Presidente dei campani che aveva minacciato di ritirare la squadra e fatto interrompere la sfida così com’era successo anche per le intemperanze della tifoseria di casa. Però, alla fine, la vittoria del Foggia è strameritata e c’è il rammarico solo per non aver potuto festeggiare con i propri tifosi. I rossoneri hanno fatto capire sin dal 1’ quali erano le loro intenzioni tenendo in mano le redini del gioco pur senza impensierire Maiellaro. A cambiare le sorti del match, paradossalmente, è stato il vantaggio campano di Terracciano (35’) che di testa ha superato Micale. Il Foggia ha reagito da grande squadra e pian piano ha costruito il gol del pari nel finale di tempo con Leonetti (46’) decisivo in una mischia in area. Nella ripresa il Foggia è ripartito alla grande e ha più volte sfiorato il vantaggio. Il Gladiator si mostrava in affanno e spesso i suoi uomini hanno dovuto ricorrere alle maniere forti per fermare Picascia (ottima la sua prova) e compagni. Il primo a finire anzitempo sotto la doccia è stato Leone (10’) e la superiorità numerica ha ulteriormente galvanizzato gli ospiti. Però è stato il Gladiator, nonostante l’uomo in meno, a non concretizzare due ghiotte palle gol con Del Sorbo (11’) e Di Pietro (17’). Poi, complice la stanchezza, ha lasciato spazio allo scatenato Foggia. Ma Giglio (24’), forse non al meglio della condizione fisica, prima ha mancato il gol davanti a Maiellaro, poi ha fallito (28’) il calcio di rigore decretato per fallo su Leonetti. Sulla respinta del portiere campano il Sig. Minotti ha assegnato un secondo penalty per un fallo in area. Stavolta capitan Agnelli (29’) non ha fallito l’occasione ed ha “firmato” il sorpasso. Iniziavano le contestazioni del pubblico campano e la gara è diventata particolarmente “calda”. Palazzo (35’) intanto ha mancato il colpo del definitivo ko e nei minuti finali il disperato arrembaggio del Gladiator ha prodotto il gol dell’inaspettato 2-2 di Del Sorbo (48’) e il conseguente ricorso ai supplementari. Al 6’ p.t.s. finiva anzitempo la sua gara anche Di Pietro per il secondo giallo rimediato e un minuto più tardi Leonetti, di testa, sfruttando il cross di Picascia, riportava avanti i suoi. Il Foggia capiva che l’avversario ridotto in nove non c’era più e gli infliggeva il quarto colpo, decisivo, con Palazzo (10’) su servizio ancora di Picascia. All’11’ veniva espulso Basta sempre per doppia ammonizione e così il primo supplementare andava in archivio. Nell’ultimo quarto d’ora il Foggia si limitava a gestire la gara e il Gladiator perdeva la “testa”. La caccia all’uomo era sistematica e il Sig. Minotti, senza farsi intimidire, estraeva il “rosso” prima a Del Sorbo e poi a Schettino. Con i campani ridotti in sette il loro Presidente entrava in campo intimando alla squadra di ritirarsi mentre Mister Feola, di parere opposto, li faceva rimanere al loro posto. Ma a determinare la definitiva sospensione della gara era l’infortunio di Terracciano che abbandonava la contesa e così, ridotti in soli sei unità, non si poteva, come da regolamento, più continuare. Il Foggia poteva così festeggiare nella “bolgia” del “Piccirillo”. Al “chiuso” dello spogliatoio.

ASD SAN FELICE GLADIATOR - ACD FOGGIA  (sospesa al 10’ s.t.s. sul 2 – 4)

Marcatori: 35’ p.t. Terracciano, 46’ Leonetti, 29’ s.t. Agnelli (rig.), 48’ Del Sorbo, 7’ p.t.s. Leonetti, 10’ Palazzo.

Asd San Felice Gladiator: Maiellaro 6, Schettino 4, Mocerino 6, Leone 5, Criscuolo 5, Terracciano 6, Bizzarro 5.5, Gatta 6 (30’ s.t. Manzo 6), Del Sorbo 4, Longo 5 (38’ s.t. Tortora 5.5), Bonavolontà 5 (12’ s.t. Di Pietro 4). A disposizione: Voli, Incarnato, Puccinelli, Luce. All.: Feola 5.

Acd Foggia: Micale 6, Tommaselli 6, Picascia 7.5, Agnelli 8, Basta 6, D’Angelo 7, Compierchio 6 (16’ s.t. Palazzo 7), Quinto  7 (1’ s.t.s. Cassandro 6.5),  Giglio 6.5,  Agostinone 6 (42’ s.t. D’Ambrosio 6), Leonetti 8. A disposizione: Mormile, Esposito, Gentile, Ferrante. All. Padalino 8.

Arbitro:  Marco Minotti di Roma2 7.
1°Ass.:    Roberta De Meo di Formia 7.
2°Ass.:   Simone Zanella di Latina 7.

Note: Giornata di sole. Terreno in discrete condizioni. Spettatori 1.500 circa. Ammoniti: Leone (G), Agostinone, Basta, Tommaselli, Palazzo (F). Espulsi Leone 10’ s.t. per doppia ammonizione, Luce al 48’, dalla panchina, per aver lanciato una bottiglia verso la squadra avversaria, Di Pietro 6’ p.t.s. e Basta 11’ entrambi per doppio giallo, Del Sorbo 4’ s.t.s., Schettino 6’ per falli antisportivi.  Angoli: 9 – 5 per il Gladiator. Recuperi: 3’ e 6’.

 

 




 
27/05/2021 - Serie C, playoff. Dopo il Foggia, Bari eliminato -
19/05/2021 - Foggia eliminato, ma a testa alta. Passa il Bari - Niente da fare per...
09/05/2021 - Il Super Foggia si abbatte sul Catania (1-3) - A dispetto dei...
02/05/2021 - Foggia-Catania, un pari (2-2) inutile - Il Foggia si illude col...
25/04/2021 - Foggia, tre sberle dalla Juve Stabia - Nulla da fare per la compagine...
21/04/2021 - Il lampo di Curcio si abbatte sul Monopoli - La magia del fantasista...
18/04/2021 - Il Foggia perde in casa con la Paganese - Il Foggia, evidentemente,...
14/04/2021 - Sicilia amara per il Foggia superato dal Palermo - Rossoneri...
21/03/2021 - Foggia bloccato dalla Viterbese (1-1) - Rigore di Rocca e pari...
17/03/2021 - Foggia magico: vittoria a Francavilla (0-1) - I rossoneri dominano il...

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by