Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

 

Un OdG del Comune sul Gino Lisa
Da inviare alla Regione che solleciti il Ministero dei Trasporti


di Gerardo Leone

Foggia, 30 luglio 2014.

Ecco il testo dell'Ordine del Giorno, approvato all'unanimità dal primo Consiglio comunale dell'Era Landella, da inviare al Ministro Lupi affinchè inserisca l'aeroscalo foggiano tra quelli di interesse nazionale.

Premesso che
• Il potenziamento dell’aeroporto “Gino Lisa” è fattore strategico per lo sviluppo e la crescita del territorio provinciale;
• Per l’allungamento della pista dell’aeroporto “Gino Lisa” – che dovrebbe essere portata a 2mila metri, così da poter intercettare voli charter – sono stati stanziati 14 milioni di euro rivenienti dai fondi “Fas”;
• Al momento la procedura relativa all’allungamento della pista è bloccata, in attesa che  il Ministero dell’Ambiente rilasci la VIA (Valutazione d’Impatto Ambientale), ultimo atto necessario per potere appaltare i lavori di allungamento della pista; atto che si attende da ormai oltre 11 mesi e la cui immotivata omissione rischia di causare gravi danni alla Comunità per la perdita delle risorse economiche già disponibili (14 milioni di euro di Fondi Fas) e quindi pregiudicare il progetto di  adeguamento di questa importante infrastruttura;
• Il Ministero delle Infrastrutture, nell’ambito del Piano Nazionale di Sviluppo Aeroportuale ancora in itinere ed allo stato di proposta, ha escluso l’aeroporto “Gino Lisa” di Foggia dall’elenco degli scali di interesse nazionale;
Considerato che
• Il sindaco di Foggia, Franco Landella, ed il presidente della Camera di Commercio, Fabio Porreca, hanno incontrato a Roma il Viceministro dei Trasporti, Riccardo Nencini, al quale hanno esposto in modo dettagliato le ragioni per le quali occorre tutelare e difendere il ruolo e la funzione dello scalo aeroportuale della provincia di Foggia nell’ambito del sistema trasportistico regionale e nazionale;
• Il Viceministro Nencini ha dichiarato la piena disponibilità a rivedere la bozza del piano, assegnando all’aeroporto “Gino Lisa” il rango di scalo di “interesse nazionale”, chiarendo tuttavia che per avviare l’integrazione del piano nazionale degli aeroporti è fondamentale che la società Aeroporti di Puglia e la Regione Puglia inoltrino una formale istanza al Ministero;
• L’aeroporto “Gino Lisa”, come aeroporto minore nella rete nazionale, può svolgere comunque un ruolo rilevante per lo sviluppo socio-economico dell’area interessata in particolare attraverso l’attivazione di un volo per Milano-Linate, in regime di oneri di servizio pubblico, e l’avvio di rotte (connessioni di tipo leisure) intra UE su base stagionale, tramite operazioni charter e servizi di linea operati da vettori low cost o da vettori ibridi (compresenza di operazioni charter e di linea) per un totale di 240mila passeggeri annui (dati Studio Gruppo Class-Camera di Commercio di Foggia); dopo la fase di start-up si potrà sostituire il volo in continuità territoriale con voli out-going nazionali come da piano di Aeroporti di Puglia per un totale di circa 300mila passeggeri annui; con un potenziale passeggeri a regime di oltre 500mila unità all’anno; 
• L’aeroporto “Gino Lisa” è un infrastruttura funzionante sulla quale nel corso degli anni sono stati investite ingenti risorse pubbliche in opere di ammodernamento;
• L’aeroporto “Gino Lisa” già oggi appartiene al Comprehensive Network della rete Ten-T approvata da Parlamento Europeo, Commissione Europea e Consiglio dei Ministri Europeo in via definitiva nel dicembre del 2013;
• Nella proposta di Piano nazionale degli aeroporti è l’unico, oltre lo scalo di Forlì, a essere escluso dall’elenco degli scali d’interesse nazionale, un piano, peraltro, inclusivo e non restrittivo, se si considera che nell’ elenco rientrano ben 38 aeroporti: 12 strategici e 26 di interesse nazionale e tra questi sono stati inseriti anche scali non rientranti nella rete TEN-T come Cuneo, Crotone, Comiso, Taranto, Salerno, Parma; aeroporti, questi citati, che non si sono caratterizzati per volumi di traffico storici rilevanti, né sono ubicati in aree con potenziale di traffico, numero residenti e flussi turistici superiori a quello di Foggia, né sono distanti da altri scali più di quanto Foggia sia da Bari; appare ad esempio incomprensibile come la Calabria, con meno di 2 milioni di abitanti, possa avere 3 aeroporti di interesse nazionale per traffico passeggeri (Lamezia, Reggio Calabria, Crotone), mentre la Puglia, con 4 milioni di abitanti e lunga più di 400 km., ne veda funzionanti solo 2 fra loro distanti circa km 100 (Bari e Brindisi; Grottaglie, che dista 50 km. da Brindisi, ha vocazione solo cargo);
• La popolazione residente nella catchment area dello scalo di Foggia (abitanti che risiedono in aree più vicine al G. Lisa rispetto agli aeroporti alternativi di Bari, Napoli e Pescara) è di 1.333.325 abitanti, inclusi residenti in porzioni di provincie limitrofe (Campobasso, Potenza, Avellino, Benevento, Bat);
• La provincia di Foggia è la seconda più estesa d’Italia (dopo Bolzano) e comprende nel proprio territorio aree interne, remote, periferiche, geograficamente ed economicamente svantaggiate, (es. Gargano e Monti Dauni), che distano oltre 200 km. e 2h. 30. min. dall’aeroporto di Bari Palese (Carlantino 194 km., 2 ore e 29 min.; Vieste 178 km., 2 ore e 43 min.; Peschici 238 km., 2 ore 57 min.);
• L’aeroporto “Gino Lisa” si trova a una distanza tale dagli aeroporti di Bari (122 km., 1h. e 20 min.) e Pescara (196 km. e 1 h. e 51 min.) da potere beneficiare di un bacino d’utenza specifico e non sovrapposto ad altri scali;
• La provincia di Foggia, pur svolgendo un ruolo primario nell’incoming turistico nel complessivo territorio pugliese (ha il 40% dei posti letto e il 34% delle presenze turistiche), è l’unica provincia della Puglia ad avere trend turistici in leggera flessione nel corso degli ultimi anni anche a causa delle difficoltà nel raggiungere le principali località turistiche provinciali dai bacini di riferimento con trend più interessanti (aree metropolitane italiane e flussi internazionali);
• La generale tendenza della contrazione dei flussi turistici italiani a fronte di un incremento dei flussi stranieri, trend di cui la provincia di Foggia non beneficia appieno essendo meno accessibile dalle principali città europee data la mancanza da un aeroporto funzionante;
• Le rotte stagionali tra Foggia e le principali città europee genererebbero quindi non solo una crescita di arrivi, ma anche una destagionalizzazione degli stessi, con l’ulteriore utilità derivante dal fatto che i turisti stranieri hanno una propensione alla spesa maggiore rispetto ai turisti italiani;

Il Consiglio comunale sollecita
La Regione Puglia e la società Aeroporti di Puglia  affinché provvedano celermente ad inoltrare al Ministero dei Trasporti la formale istanza per l’inserimento del “Gino Lisa” tra gli aeroporti di “interesse nazionale”, così come chiesto espressamente dal Viceministro Riccardo Nencini, in modo da esperire l’atto formale al quale è legata la difesa del ruolo dell’aeroporto di Capitanata, sia per la sua funzione trasportistica sia per la sua incidenza sullo sviluppo socio-economico del territorio provinciale.

 

 


 
23/06/2022 - Seminario dell’Associazione della Stampa di Puglia - “Presunzione di...
23/06/2022 - Aree protette: i risultati di Life ESC 360 - il progetto coordinato...
20/06/2022 - La Notte Romantica di Vico - Incontro con i giornalisti mercoledì 22...
16/06/2022 - L’Info point turistico di S.Severo si rinnova - Il programma “Visit...
06/06/2022 - Anci e Fnsi status uffici stampa - Decaro: “ufficio stampa della PA...
03/06/2022 - L’arte del Public Speaking a Foggia - Un corso per imparare a parlare...
01/06/2022 - LXXVI anniversario della nascita della Repubblica - il messaggio del...
01/06/2022 - “Ciclovia Adriatica” - Provincia oltre 22 milioni di euro per gli...
26/05/2022 - La Capitanata e l’affido temporaneo - Incontro il 27 maggio, alle 17,...
23/05/2022 - “La memoria e la resistenza' - CSV della Puglia: laboratori storie di...

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by