Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

 

XVII Festival della Letteratura di Lucera
Un festival per la comunità: esplorare l’agitazione personale per trasformarla in azione comune


di Danila Paradiso

Lucera, 24 settembre 2019.

Si è chiuso domenica 22 settembre il XVII Festival della Letteratura Mediterranea, in scena nel weekend scorso a Lucera. Tre giorni intensi e partecipati di incontri, audio reportage e performance per sviscerare il tema indicato dal titolo: Stato Privato di Agitazione.

“Cosa vi agita, che cosa vorreste gridare in questo momento?”, chiedevano gli organizzatori attraverso la presentazione del visual e prima di lanciare il programma in conferenza stampa. È partito da lì una sorta di “prequel” del Festival, con l’interazione prima attraverso i social e poi con la comparsa nel centro lucerino di lenzuoli bianchi stesi ai balconi che recavano messaggi scritti a mano.

“Dare un nome al proprio stato di agitazione, scriverlo su un vecchio lenzuolo e lasciarlo steso al vento”: questa la pratica incoraggiata su consiglio degli autori ispiratori del tema, scrittori che sono stati annunciati come “influencer” e veri e propri ospiti dell’edizione (Rocco Scotellaro, Antonio Gramsci, Tommaso Fiore, Beppe Fenoglio e Alessandro Leogrande).

Dall’agitazione privata, personale, all’incontro e ascolto reciproco di voci che ne parlano, se la raccontano, che trovano parole per dirla, conoscerla. L’edizione n.17 (così come la precedente) ha voluto rivolgersi direttamente alla comunità, a chi abita Lucera e i suoi dintorni, a chi in particolare vive uno stato di frustrazione e avverte la mancanza di spazi e luoghi dove trovarsi per esprimersi, guardarsi negli occhi, abbracciarsi, “tornare a innamorarsi”.

Elemento portante e veramente suggestivo dell’intero programma è stato il momento del Rito, a cura di Marco Terenzio Barbaro. Marco e i ragazzi che hanno felicemente collaborato alla sua riuscita – Emanuele Alfieri, Vincenzo De Biase, Antonella Graziano, Lucia Iuliani, Andrea Vellonio e Emanuel Ziccardi – hanno inscenato la rappresentazione di una rivolta, il risveglio di un’agitazione comune paralizzata però sempre dalla Paura (impersonata da Barbaro), padrona e cerimoniera del rito stesso con le sue urla e imprecazioni dialettali.

“A paure ce vole. Ce vole a paure”. La paura ci vuole. Ci vuole la paura.

Ma per oltrepassare il confine della paura serve studio, conoscenza, dialogo, cuore e cervello. La corda è dunque il simbolo di questo andare oltre: è ciò che vibra, saltella, balza, e avvolge. La corda diventa simbolo di comunità. Il Dopofestival nel Vecchio Parco della Villa Comunale era inteso infatti come momento finale in cui ritrovarsi per cantare, suonare, ballare e custodire quel che di bello si può fare insieme: starsi accanto, tutti dalla stessa parte, condividendo emozioni ed esperienze.


 
23/06/2022 - Il Primitivo di Manduria - al 15° Forum Internazionale della Cultura...
23/06/2022 - “MUSEO DELLE ARMI E DELLA TRADIZIONE ARMIERA” - In Bovino, presso...
22/06/2022 - Anilda Ibrahimi - Volevo essere Madame Bovary (Einaudi, 2022)
22/06/2022 - Apertura dello sportello territoriale diCSV Foggia - accordo tra...
22/06/2022 - La Notte Romantica di Vico del Gargano - Particolarmente...
20/06/2022 - La Notte Romantica di Pietramontecorvino - Sabato 25 giugno tra...
20/06/2022 - Lago di Occhito, - 5 milioni di euro per attrezzare l’area in chiave...
16/06/2022 - AL VIA QUANTA LUCE.: SI COMINCIA CON ARCANGELIli - Da sabato 18...
03/06/2022 - Festival Giornalisti Mediterraneo -
03/06/2022 - Candela, un ‘lungo’ messaggio di pace - sarà lanciato da Candela, in...
01/06/2022 - Rievocazione Storica “I Tre Santi della Sagina' - Durante questi tre...
28/05/2022 - Carlantino e la “Madonna della ricotta”: - torna la festa che...
28/05/2022 - L’istituto Einaudi al monumento La Pietra - “È la fase conclusiva di...
28/05/2022 - Foggia: concerto per la pace - Il Coordinamento Capitanata per la...
28/05/2022 - CantAssori – Festival Inclusivo della Canzone - Andrà in scena in...

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by