Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

 

Sosteniamo il progetto “Terra Piatta”
mira alla creazione di un hub di ricerca e di produzione artistica


di Viviana Checchia

Foggia, 1 febbraio 2014.

Terra Piatta, l'unico progetto pugliese selezionato da CheFare Premio per la Cultura.
Il progetto Terra Piatta, di Vessel, nata nel 2011, organizzazione non profit indipendente, che promuove l’arte contemporanea ,nata nel 2011, è tra i 40 progetti di innovazione culturale preselezionati, a partire da ben 600 proposte pervenute, nell'ambito del bando CheFare.
I progetti sono online per essere votati dal "pubblico di internet": i primi 8 progetti saranno sottoposti  al vaglio di una giuria tecnico scientifica e solo uno di essi otterrà il finanziamento per la realizzazione del suo progetto.
Questa è una grande occasione per creare in una borgata della Capitanata, una struttura stabile, capace di interagire responsabilmente con le caratteristiche e le problematiche del territorio e per Vessel che ha già realizzato progetti, nel settore artistico, con il bando della Regione Puglia Principi Attivi.
Per votare bisogna andare sul sito “Terra Piatta Che Fare” progetto n. 38, e cliccare la sezione “Vota”. Registrarsi, e votare. Riceverai sulla casella di posta elettronica indicata al momento della registrazione due mail distinte. La prima contiene una password, la seconda contiene un link conferma voto, cliccandolo apparirà la scritta: “complimenti il tuo voto per Terra Piatta è stato confermato”.
CheFare Premio per la Cultura, è uno strumento di ricerca sui nuovi modi di fare cultura oggi in Italia. È uno spazio che permette ad associazioni e imprese profit e non profit di sviluppare il proprio fare, dando vita a collaborazioni diffuse e attivando network territoriali. CheFare è una piattaforma che premia l’impatto sociale, segnalando e raccontando i progetti culturali ad alto grado d’innovazione.
Terra Piatta mira alla creazione di un hub di ricerca e di produzione artistica, sociale e culturale per e nell’area denominata Capitanata, in cui convergano le buone pratiche già esistenti sul territorio ad opera di organizzazioni, associazioni e individui che progettano e lavorano per la riqualificazione dell’area e per la valorizzazione del territorio, e una rete internazionale di artisti e operatori culturali interessati all’emancipazione sociale di contesti rurali e semi-rurali.
Attraverso attività pluriennali Terra Piatta convoglierà progetti e ricerche legate all’area del Tavoliere delle Puglie (il nome Terra Piatta deriva dalla sua morfologia pianeggiante), ai fenomeni di carattere sociale, culturale ed economico che riguardano quest'area, e alla sua dimensione rurale e agricola.
L’hub di Terra Piatta metterà in dialogo diversi piani e campi di ricerca e di lavoro per riattivare questo territorio a partire dalle sue energie e dalle realtà che qui stanno già operando (giovani agricoltori, ricercatori, architetti, designers, artigiani, ecc.). Il primo passo è la riattivazione di uno spazio abbandonato in una delle Borgate che circondano la città di Foggia, frutto insieme ai poderi della riforma agraria di età fascista che ha trasformato la zona paludosa in area coltivabile e ha modificato il volto del paesaggio rurale e architettonico. Qui avrà sede l’hub di Terra Piatta, che promuoverà attività partecipative e multidisciplinari tra cultura e agricoltura per trovare nuove soluzioni sociali e culturali con le diverse comunità che abitano l’area.
Attraverso il binomio arte contemporanea/contesto rurale, l’hub promuoverà attività partecipative e multidisciplinari grazie al coinvolgimento di operatori internazionali interessati a far interagire la propria pratica con il contesto della Capitanata e con i suoi agenti, per produrre nuove soluzioni sociali e culturali insieme alle diverse comunità che abitano oggi l’area.
L’identità dell’area è infatti sempre più connotata dalla presenza di gruppi di migranti, per lo più impegnati nel lavoro nei campi spesso in condizioni di sfruttamento. Molti emigranti abitano al ridosso delle borgate, condividendo con i vecchie residenti, disagi provenienti dalla carenza di servizi e di attenzione da parte delle amministrazioni locali non sempre attente ai bisogni di chi vive in queste realtà.
Grazie all’attivazione di queste micro-realtà e della rete internazionale, Terra Piatta intende rivalutare il patrimonio culturale, sociale e rurale alla luce di un’identità contemporanea in trasformazione nutrita da nuovi abitanti e da nuove comunità (migranti, artisti, precari, ricercatori, ecc.) insieme ai quali dare nuova vita al patrimonio comune e all'impegno civico.
Le metodologie attivate dal team di Vessel per raggiungere tale ambizioso obiettivo implicheranno modelli collaborativi che permettano di superare il tradizionale concetto di fruizione dell’arte.
In particolare, le azioni si orienteranno sulla creazione di percorsi pedagogici (corsi e workshop), sulla realizzazione di pubblicazioni e documentazioni in Creative Commons e sull'organizzazione di residenze per operatori culturali internazionali nonché di visite guidate con ricercatori di agraria, architettura e urbanistica, tavole rotonde e convegni. Una parte rilevante degli interventi, tuttavia, sarà rivolta anche ad attività di community gardening e farming, intesi come percorsi innovativi legati alla produzione responsabile e alle tecniche di coltivazione biologica, al fine di contrastare le logiche del caporalato a ampliare i circuiti virtuosi dei mercati a Km0.
L'inclusione delle nuove comunità all'interno del tessuto sociale, infatti, sarà incentivata attraverso la promozione di mercati di cibo e artigianato con migranti e locali, riunioni e cene di quartiere, insieme alla costituzione di "Radio ghetto" (una stazione radio gestita dallo staff con la partecipazione dei migranti e con focus su tematiche di coesione sociale e integrazione).

 


 
27/01/2022 - VIA ALL’OLEOTURISMO - È stato firmato dai ministri delle Politiche...
24/01/2022 - AMICI DELLA MUSICA SAN SEVERO - violino e pianoforte con Lorenzo...
24/01/2022 - PICASSO, FONTANA, BURRI E IL NOVECENTO - Contemporanea Galleria...
20/01/2022 - Bene i processi, tanto da fare per le carceri - L'evento, dal titolo...
20/01/2022 - Concorso per 66 ALLIEVI UFFICIALI nella GdF - Possono partecipare al...
13/01/2022 - “Per i giorni persi”, libro di Maria Rutiglian - La prsentazione...
10/01/2022 - Dibattito Pubblico sulla nuova Strada Garganica. - presso la Sala...
03/01/2022 - FOGGIA NEGLI ANNI CINQUANTA - Una sequenza di foto inedite di...
03/01/2022 - La TOMBOLATA PUGLIESE” - Si tratta di una box ideata da due giovani...
21/12/2021 - Amici della Musica S.Severo - Simona Molinari emusicisti...
21/12/2021 - Casa Sollievo della Sofferenza - Il cardinale Parolin in visita...
17/12/2021 - Le Contadinner di Vazapp sbarcano in Giappone - In collaborazione con...
17/12/2021 - Un viaggio musicale alla scoperta della tradizione - L'Escargot + La...
16/12/2021 - Daunia Press Tour, 10 volte la traversata Puglia - Partendo da...
16/12/2021 - Natale Orsarese: 18 giorni di programmazione - Ci saranno la Piazza...

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by