Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

 

La Storia della Matita


di Giusy Carbonaro

 Carissimi

un’altra estate è arrivata.  Insieme abbiamo letto dei libri bellissimi e sognato con delle poesie stupende. Non so per voi, ma per me l’estate oltre ad essere “riposo” e anche un viaggio di introspezione dentro me stessa. Provate anche voi, seguitemi in questa vacanza riflessiva leggendo una storia breve ma intensa. Sono sicura, vi piacerà.

Buone vacanze a tutti!

 

La storia della matita

Il bambino guardava la nonna scrivere una lettera.
Ad un certo punto, chiese: "Stai scrivendo una storia su di noi? E' per caso una storia su di me?".
La nonna smise di scrivere, sorrise e disse al nipote: "In effetti, sto scrivendo su di te. Tuttavia, più importante delle parole, è la matita che sto usando. Mi piacerebbe che tu fossi come lei, quando sarai grande."
Il bimbo osservò la matita, incuriosito e non vide niente di speciale.
"Ma è identica a tutte le matite che ho visto in vita mia!".
"Tutto dipende dal modo in cui guardi le cose. Ci sono 5 qualità in essa che, se tu riuscirai a mantenere, faranno sempre di te un uomo in pace con il mondo.
Prima qualità: tu puoi fare grandi cose, ma non devi mai dimenticare che esiste una mano che guida i tuoi passi: questa mano noi la chiamiamo Dio e Lui ti dovrà sempre indirizzare verso la Sua volontà.
Seconda qualità: di quando in quando io devo interrompere ciò che sto scrivendo ed usare il temperino. Questo fa sì che la matita soffra un poco, ma alla fine essa sarà più affilata. Pertanto, sappi sopportare un po' di dolore, perché ciò ti renderà una persona migliore. Terza qualità: la matita ci permette sempre d'usare una gomma per cancellare gli sbagli. Capisci che correggere qualcosa che abbiamo fatto non è necessariamente un male, ma qualcosa di fondamentale per mantenerci sulla retta via. Quarta qualità: ciò che è davvero importante nella matita non è il legno o la forma esteriore, ma la grafite che è all'interno. Dunque fai sempre attenzione a quello che succede dentro di te.
Infine la quinta qualità della matita: lascia sempre un segno. Ugualmente, sappi che tutto ciò che farai nella vita lascerà tracce e cerca d'essere conscio d'ogni singola azione.

Giusy Carbonaro




non ci sono commenti


 
26/06/2022 - LE PRATERIE DEL CUORE -
21/05/2022 - La Mindfulness di Patrizia Collard -
07/05/2022 - A mia madre, anima nobile e gentile. -
14/04/2022 - Crocifisso di Kahlil Gibran, -
17/03/2022 - 'LE VITE NASCOSTE DEI COLORI' -
16/02/2022 - Pavel Friedman: La Farfalla -
25/01/2022 - LA LADRA DI PAROLE di ABI DARE’ -
03/01/2022 - Édouard Joachim Corbière: Poeta Maldetto -
05/12/2021 - “Finchè tutto resta nascosto in un cassetto” -
17/11/2021 - Maram al Masri -
04/11/2021 - LA PROFEZIA DELLA CURANDERA -
04/11/2021 - LA PROFEZIA DELLA CURANDERA -
17/10/2021 - GIOCONDA BELLI la potessa nicaraguense -
03/10/2021 - “Il segreto delle ERE” di Piero Ragone. -
14/09/2021 - La Poesia di Emily Dickinson -

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by