Stampa la Notizia

   

Foggia. Rigeneraziuone Urbana
“Sconti” sugli oneri di urbanizzazione per incentivarei processi di realizzazione

 

Foggia, 18 gennaio 2013.

«Continuiamo a cercare ogni opportunità per innescare i processi di rigenerazione urbana di cui la città capoluogo ha bisogno». È il commento dell’assessore alla Qualità e all’Assetto del Territorio, Augusto Marasco, rispetto alla non inclusione di Foggia tra i ventotto Comuni italiani ammessi alla prima selezione del Piano Città. «Eravamo consapevoli di dover affrontare, specie qui in Puglia, una competizione agguerrita – dice Marasco – e neanche di poter contare sull’esistenza di una Zona Franca Urbana ma l’obiettivo strategico della rigenerazione urbana resta, come proviamo a fare anche intervenendo sugli oneri di urbanizzazione».

Il riferimento dell’assessore è alla delibera sottoposta all’attenzione del Consiglio comunale per l’aggiornamento percentuale al mese di settembre 2012 del contributo di costruzione, relativo agli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria per l’anno 2013. Gli aumenti degli oneri, calcolati dal Servizio Urbanistica in base all’incremento del costo di costruzione, secondo l’indice generale dell’intervenuta variazione del costo di costruzione di un fabbricato residenziale accertata dall’ISTAT, sarà pari all’8,07%.

«Abbiamo colto l’opportunità di questo intervento, ordinariamente richiesto ai Comuni quando la Regione non delibera sugli aumenti, per introdurre una prima, concreta misura di incentivo ad azioni di rigenerazione urbana», sottolinea Marasco.

La delibera, infatti, nell’aggiornare tariffe e tabelle parametriche, esclude dall’applicazione degli aumenti gli interventi promossi ai sensi della Legge regionale n.21/2008 ricadenti all’interno dell’ambito individuato nel Documento Programmatico della Rigenerazione Urbana approvato dal Consiglio Comunale il 15 giugno 2011.

«Una politica per la rigenerazione urbana richiede l’utilizzo anche della leva fiscale al fianco alla regolazione schiettamente urbanistica che abbiamo affinato e a quella che si produrrà con l’adozione del Piano Urbanistico Generale» rileva Marasco sottolineando che «per ribaltare una situazione per la quale è più facile e più economico continuare a costruire su nuove aree piuttosto che operare sul costruito, abbiamo pensato di disporre un incremento degli oneri di urbanizzazione solo per le realizzazioni su nuove aree».

 

«D’altronde – prosegue l’assessore – un’indagine di ANCI e Federabitazione-Confcooperative sugli incentivi comunali per l’edilizia sostenibile, ha rilevato che circa un terzo dei 250 Comuni italiani analizzati, come forma di incentivo alla realizzazione di costruzioni ecocompatibili, ha scelto lo sconto sugli oneri di urbanizzazione. Segno che è la strada giusta per cominciare a diffondere modelli più responsabili di consumo della città».

 

Un’altra importante novità estende l’imposizione degli oneri anche alle edificazioni miste artigianali, residenziali o commerciali, come accade ormai da anni nel Villaggio Artigiani. Ciascuna delle diverse destinazioni d’uso sarà chiamata a versare gli oneri di urbanizzazione per la rispettiva categoria. «Fino a oggi – spiega ancora Marasco – residenze o uffici pagavano gli oneri del capannone artigianale, uno squilibrio da correggere considerando che gli oneri si pagano in rapporto agli impatti che determinate attività avranno nella zona dove si realizza un manufatto ed è evidente quanto si siano trasformati cimpatti nel Villaggio Artigiani, con il moltiplicarsi di insediamenti residenziali e commerciali al fianco di quelli industriali e artigianali».

L’applicazione delle tariffe delle zone residenziali o direzionali non significherà, comunque, generale autorizzazione a destinazioni diverse da quelle previste dall’attuale Piano regolatore per le zone “D”, destinate ad aree produttive.

 

 

 

di Giovanni dello Iacovo

 

 

Il primo quotidiano di informazione on line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812