Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Registrazione | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

 

Ambiens, che sta intorno


di Rina Di Giorgio Cavaliere

Il movimento ambientalista nella sua evoluzione storica ha raccolto, con varie modalità di attuazione, molteplici correnti di pensiero, prima di approdare all’attuale sciopero globale in 150 Paesi. In Italia emerge negli anni sessanta e ottanta, quando sorgono i problemi dell’energia nucleare e della tutela della salute. Inizialmente si sviluppa nelle grandi città e raccoglie persone di cultura medio alta, politicamente nell’area di sinistra. Oggi gruppi di diversa natura e provenienza ideologica esprimono la necessità di costruire, manifestare e diffondere un’unità di pensiero e di intenti, come nella recente manifestazione ambientalista di quattro giorni contro i cambiamenti climatici, tenutasi a Venezia da attivisti per l’ambiente, finalizzata al raggiungimento della dichiarazione dello stato di emergenza climatica. Da rilevare che il Governo ha allo studio la bozza del Decreto legge sul clima.

Si vive connessi in una nuova conformazione socio-ambientale, eco-tecnologica; di conseguenza tutti hanno seguito con apprensione le notizie sui numerosi incendi, che hanno devastato la foresta pluviale africana, la vegetazione in Indonesia, Alaska, Canada, Siberia, in particolare la foresta amazzonica, che si estende su otto stati, principalmente Brasile (60%), Perù e Bolivia. Proprio la storia di questo territorio può far comprendere quanto sia difficile rispettare la natura e l’esistenza delle popolazioni indigene, vincere il desiderio di sfruttare al massimo le risorse naturali ed evitare di distruggerle completamente; soprattutto il faticoso cammino percorso dal processo di sensibilizzazione e di educazione nel rapporto tra ecologia e individuo.

La costruzione della grande arteria transamazzonica, inizialmente, è descritta da alcuni come una grande conquista, dimostrazione della potenza dell’uomo, che sa lottare contro le avverse forze della natura: «Nel bacino del Rio delle Amazzoni è iniziata una nuova era che vede l’uomo impegnato nell’ultima grande sfida contro la natura. L’esercito brasiliano e il capitale straniero (in prevalenza statunitense) hanno sferrato su diversi fronti il più complesso e massiccio assalto della storia al più grande e vergine ambiente naturale della terra» (M. Leigheb “Il futuro si chiama Amazzonia” in Storia Illustrata, n. 205).

In seguito lo stesso studioso è costretto ad affermare che la colonizzazione dell’Amazzonia rappresenta un danno economico ed ecologico: «Per promuovere la colonizzazione, ogni 100 Km saranno fondati dei campi di lavoro per operai, destinati a trasformarsi in piccole città. Ma i contadini nordestini che immigrano in Amazzonia vengono ad affrontarvi un ambiente difficile di cui non conoscono le risorse. Distruggono rapidamente la foresta ai margini delle strade, abbattono alberi centenari e bruciano legname pregiato, in terreni che poco si prestano alla coltivazione di cereali e di prodotti agricoli in genere. Il suolo viene rapidamente depauperato e l’ambiente sconvolto».

La strada transamazzonica si è rivelata un fallimento anche se il governo brasiliano, che per questa ha contratto negli anni settanta con gli Stati Uniti un debito enorme di 22 miliardi di dollari, ha continuato a esaltarla come una conquista. Il progetto è stato abbandonato, poi ripreso nel 2006; la foresta ha ingoiato la strada in molti punti, i coloni si sono trovati in preda a mille difficoltà. In tanti e in settori differenti hanno protestato contro l’annientamento degli Indios, cacciati sempre più lontano dalla costa, sfruttati da seringueiros e spesso sterminati per il possesso di alcune centinaia di alberi di caucciù. Anche la Chiesa cattolica con i suoi vescovi ha preso posizione nella contestazione alle politiche ambientali del governo Bolsonaro; per ottobre in Vaticano è previsto il Sinodo sui temi della difesa della foresta amazzonica.


 
21/09/2019 - Ambiens, che sta intorno -
04/09/2019 - Spazio privato e di relazione -
28/06/2019 - In viaggio per raccontare. . -
22/06/2019 - Saluto della dirigente scolastica Lucia Magaldi -
09/06/2019 - Il sistema di tutela dei nuovi parchi -
25/05/2019 - PREMIO STEFANO CAVALIERE 2019 -
09/05/2019 - Concetti filosofici alla base della nostra cultura -
19/04/2019 - Santa Pasqua 2019 -
11/04/2019 - Tradizione e invenzione artistica -
23/03/2019 - Per la vita degli ecosistemi terrestri -

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by