Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Registrazione | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

 

“Il futuro che ci (a)spetta”
“Quella del nostro Mezzogiorno non può più essere considerata una ‘questione’.


di Redazione

Foggia, 21 novembre 2019.

“Quella del nostro Mezzogiorno non può più essere considerata una ‘questione’. Per troppo tempo, con risultati non sempre virtuosi, siamo stati abituati a parlare di ‘questione meridionale’, mutuando termini e toni di un tema antico ed oggi ancora irrisolto. È il momento di aprire una riflessione collettiva e matura circa le opportunità che il Sud è capace di esprimere, intorno alle sue immense potenzialità ed agli orizzonti che possono e devono essere coltivati per lo sviluppo e la crescita socio-economica. Da sindaco tocco con mano ogni giorno aspirazioni ed esigenze delle nostre comunità e mi scontro con i limiti di un sistema che ha un urgente bisogno di cambiare passo, innanzitutto sul piano culturale. Viviamo una stagione in cui non c’è più spazio per la rivendicazione campanilistica – storicamente primo e più pericoloso nemico del Sud – ma in cui è necessaria una riorganizzazione di sistema del Paese. Parlo anche del dibattito federalista, che può avere senso esclusivamente in un quadro che veda ogni territorio godere delle stesse possibilità. Mettere Nord e Sud sulla stessa linea di partenza, soprattutto in termini infrastrutturali e di perequazione economica e fiscale, è l’unica strada affinché l’opzione federalista possa produrre effetti positivi. In assenza di questo passaggio, infatti, ogni intervento compiuto nella direzione di rafforzare la spinta federalista rischia di allargare la forbice tra Settentrione e Meridione, che tutti i rapporti e le indagini oggi fotografano in modo impietoso e drammatico.
In questa considerazione c’è il senso del dibattito promosso dall’ANCI, nel corso della sua XXXVI Assemblea Nazionale ,dal titolo ‘Il futuro che ci (a)spetta’. Con colleghi importanti e preparati, che ringrazio per il confronto maturo e di grandissima qualità, abbiamo infatti provati a declinare il futuro che attende le Amministrazioni comunali e le comunità: dai diritti ai doveri, dagli aspetti economici a quelli che riguardano le giovani generazioni.
Da questo punto di vista la mia esperienza al governo di un grande Comune del Sud mi ha insegnato quanto sia ormai dirimente l’impegno per l’ammodernamento delle infrastrutture del Mezzogiorno, che significa qualificare l’appetibilità degli investimenti imprenditoriali e la mobilità di persone e merci, combattendo isolamento e sfiducia, ed anche per una migliore attenzione sul terreno della sicurezza percepita e reale, altro elemento che scoraggia investitori e dirotta altrove capitali. Ed è di tutta evidenza che al Sud spettano azioni speciali da parte del Governo nazionale. Non un occhio di riguardo inutile, ma una vera e propria manovra che rimetta in pista uno dei vagoni più importanti del treno italiano. Come sindaco di Foggia, citando solo alcuni degli esempi in questo senso più significativi, ho combattuto senza sosta per ottenere due obiettivi che il territorio avrebbe dovuto raggiungere nei decenni scorsia: l’allungamento della pista dell’aeroporto ‘Gino Lisa’ e la seconda fermata ferroviaria AC/AV. È del tutto assurdo che due passaggi che dovrebbero essere il minimo sindacale della dotazione infrastrutturale di un territorio si siano avvicinanti con un così clamoroso ritardo e solo a seguito di battaglie e mobilitazioni delle comunità. È una dimostrazione di quanto non sia più rinviabile un cambio di passo radicale, concreto ed efficace, in particolare per un’area che ha nell’agroalimentare e nel turismo due delle sue eccellenze più brillanti. E da questo punto di vista la politica porta sulle sue spalle una straordinaria responsabilità, perché non si può essere credibili se, come accaduto nel campo dell’agricoltura, la Regione Puglia restituisce all’Europa centinaia di milioni di euro di finanziamenti legati al PSR per incapacità e sciatteria.
Un cambiamento, quello che ho descritto, da compiere innanzitutto per le giovani generazioni, che continuo a considerare migliori di quelle che le hanno precedute, a dispetto di luoghi comuni e stereotipi dilaganti. I nostri ragazzi oggi vivono senza dubbio una grande incertezza lavorativa e professionale, ma sono anche straordinariamente duttili, preparati e pronti alle sfide del futuro in contesto globale. Sono i cervelli che lasciano il nostro Sud con lauree e master, con entusiasmo e idee. Dobbiamo e possiamo creare le condizioni affinché le loro capacità e le competenze affinate anche all’estero possano essere spese nel Mezzogiorno, per la loro comunità. Il futuro che ci aspetta deve avere dunque questo volto, il volto delle opportunità e della speranza nel domani”.


 
21/11/2019 - “Il futuro che ci (a)spetta” - “Quella del nostro Mezzogiorno non...
20/11/2019 - GIORNATA NAZIONALE DEGLI ALBERI - Promossa dal Gruppo Carabinieri...
19/11/2019 - Oltre 170 mila sequestri di Accessori contraffati - Dalla Guardia...
18/11/2019 - La Puglia della nautica ad Amsterdam - Borraccino: “Occasione di...
14/11/2019 - Foggia. Piano Urbanistico Generale - Giornata di incontri con l’Ente...
13/11/2019 - Accordo tra Russia e Italia: Rete oncologica - Hanno apposto la loro...
12/11/2019 - Progetto: “We like, we share, we change” - Oltre 600 studenti...
11/11/2019 - Ventennale del crollo di viale Giotto - Foggia non dimentica. E non...
09/11/2019 - Università di Puglia con le Diplomazie mondiali - Oggi a Lecce...
07/11/2019 - Foggia: in memoria dei caduti di Viale Giotto - Al Giardino Sacrario...
05/11/2019 - GHETTI DI CAPITANATA – INTERVIENE ANCHE IL PAPA - Papa Francesco...
04/11/2019 - Giornata dell’Unità Nazionale e Forze Armate - Il nostro pensiero va...
31/10/2019 - Esercitazione ATLANTE 2019-AURIGA 19” - Il vice presidente della...
29/10/2019 - CELEBRAZIONE DEL IV NOVEMBRE. - A San Severo si celebra la Festa...
28/10/2019 - 500 firme proposts di legge di Fratelli d'Italia - Il cammino di...

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by