Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Registrazione | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

 

OLTRE 30MILA FAMIGLIE RAGGIUNTE DAL RED
GIORNATA DEDICATA ALLO STRUMENTO DI CONTRASTO ALLA POVERTÀ ISTITUITO DALLA REGIONE PUGLIA


di Redazione

Bari, 1 marzo 2019.

Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e l’assessore regionale al Welfare Salvatore Ruggeri, insieme con la consigliera del Presidente per l’Attuazione del programma Titti De Simone, hanno partecipato questa mattina all'incontro pubblico per fare il punto sugli esiti e le prospettive del Reddito di Dignità pugliese, lo strumento di contrasto alla povertà istituito dalla Regione Puglia nel 2016.
 
L'incontro ha presentato i risultati ottenuti dal Red in questo biennio e ha tracciato le possibili prospettive della misura, con un’allargamento della platea, anche alla luce dell'entrata in vigore del Reddito di cittadinanza, la nuova misura nazionale che ha sostituito il REI e il SIA.
 
“Noi oggi stiamo presentando il Reddito di dignità pugliese, una misura che esiste in Puglia sin dal 2016 e che funziona molto bene – ha detto il presidente Emiliano incontrando i giornalisti - i numeri sono altissimi, oltre 30.000 famiglie pugliesi sono sostenute dal Reddito di dignità, peraltro con  una modalità molto interessante. Le persone che entrano in questo circuito infatti sono disponibili a lavorare, e laddove non ci sia la possibilità, a dare prestazioni sociali.  In più moltissimi sono stati gli stage di lavoro che poi hanno dato buoni risultati.”
 
“Red è quindi una misura efficiente e funzionante, non è un caos come il reddito di cittadinanza nazionale del quale ancora nessuno sa nulla. Questo sistema si sarebbe potuto applicare a tutte le regioni italiane senza particolari aggravi e senza mettere a rischio il bilancio della Repubblica italiana, come invece è accaduto”.
 
Emiliano ha ribadito di aver più volte dato la disponibilità al ministro Di Maio per fargli conoscere il sistema messo a punto già da due anni in Puglia, ma “non ha mai voluto”.
 
“Ovviamente questo ci dispiace, noi continueremo a tenere fermo il Reddito di dignità pugliese fino a che non verrà sostituito da qualche altra misura concreta, perché con le chiacchiere non si gestisce l'attenuazione della povertà. E comunque ci tengo a ribadire che noi collaboreremo con il Governo. Faremo tutto quello che ci chiedono proprio in nome del bene della nostra collettività”.
 
“Qualcuno pensava di avere cancellato la povertà dal vocabolario, ma non è così semplice. Chi governa sul serio sa perfettamente quanto è difficile gestire la situazione di disagio nei Comuni, e a tal proposito colgo anche l'occasione per ringraziare l'INPS e i Comuni per il grande lavoro che, assieme alla Regione Puglia, hanno fatto per dare vita al Reddito di dignità pugliese”.
 
“Red è una politica attiva del lavoro innovativa e sopravviverà in ogni caso – ha aggiunto Emiliano - perché la misura che abbiamo messo a punto è flessibile, ogni anno può essere mutata la platea. Può essere utilizzata ad esempio a favore di tutte quelle famiglie che non sono protette da altre misure, proprio con il mutamento dei target. Proviamo, tenendola in piedi, ad adattarla alle esigenze del territorio senza imporre per forza una propria visione. Noi completeremo in silenzio ciò che non funziona del reddito di cittadinanza. Noi siamo qui – ha concluso il Presidente - per dare una copertura a chi ne ha bisogno e non per fare polemica. La partecipazione è l’unica linfa vitale per i corpi intermedi. Red è stata un’occasione eccezionale che ci consente di stare dalla parte di chi è più debole senza populismi e retorica ma con cose concrete”.
 
"Il senso futuro di ReD – ha aggiunto l’assessore regionale al Welfare Salvatore Ruggeri - è proprio quello di continuare a intercettare pugliesi che hanno bisogno, nuove fasce di povertà a cui occorre pensare perché altrimenti continueranno a gravare solo sui già stremati Comuni. Dal 2016 ad oggi, il Governo di questa regione, non solo ha regolamentato una materia che non esisteva sul territorio regionale con la Legge 3 del 2016 e il Regolamento regionale 8 del 2016, ma ha anche affiancato e soprattutto colmato tutte quelle lacune delle forme di sostegno nazionale  alla lotta alla povertà che si sono susseguite e si susseguiranno, e cioè SIA, REI e l’attuale Reddito di cittadinanza”.
 


 
18/03/2019 - Reclutamento manager didattico - Questa nuova possibilità offerta a...
11/03/2019 - Turismo. Sviluppo e destagionalizzazione - Continua il concreto...
05/03/2019 - Approvate due Proposte di Legge del M5S - al fine di promuovere la...
01/03/2019 - OLTRE 30MILA FAMIGLIE RAGGIUNTE DAL RED - GIORNATA DEDICATA ALLO...
27/02/2019 - PdL: Tutela le prestazioni professionali - Con questa legge si vuole...
18/02/2019 - Allarme diffusione HIV - Trevisi: “Avviare campagne di...
07/02/2019 - Giornata internazionale contro il bullismo - Regione Puglia, USR e...
07/02/2019 - Finanziamenti impianti sportivi, - “La Giunta pugliese mostra di...
31/01/2019 - Cambia sede il Consiglio Regionale - E' stata trasferita in via...
31/01/2019 - Le imprese commerciali pugliesi, nuove opportunità -...
30/01/2019 - Cure negate a bimbo malato di ittiosi - “Assurdo non rimborsare...
24/01/2019 - Per il fermo pesca ci sono 16 milioni di euro - Prosegue il lavoro...
23/01/2019 - “Arif, dovrebbe cambiare nome ad Agenzia” - Agenzia regionale per le...
15/01/2019 - Liste d’attesa, ancora rinvio per le decisioni - Marmo Abbiamo...
10/01/2019 - I D.U.C., per il rilancio dei Centri Urbani - L’idea è che attraverso...

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by