Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Registrazione | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

 

UN NUOVO STILE DI VITA


di Rina Di Giorgio Cavaliere

   Desta preoccupazione il numero sempre maggiore di bambini e ragazzi che nei paesi ricchi sono affetti da “sindrome ipocinetica”, insufficiente attività motoria associata a eccesso di peso. Tra le tante cause emergono l’esagerata protezione materna e l’uso smoderato dei mezzi tecnologici a danno del gioco e dello sport. Ricordiamo che lo scopo principale dello sport è quello ludico, non quello agonistico o competitivo, rappresentato dai modelli culturali oggi predominanti. Per praticare uno sport non sono necessarie costose attrezzature e strutture, ma si possono utilizzare le risorse naturali del territorio, come per lo swimrun. Uno sport completo, adatto a tutti, nato come sfida tra amici, ancora poco conosciuto in Italia, ma diffuso nei paese del nord Europa; alterna percorsi in acqua e corsa sul terreno.
   Le conseguenze negative, connesse alla cattiva alimentazione o alle abitudini sbagliate, coinvolgono la percezione che gli adolescenti hanno del proprio corpo e l’immagine di sé, inoltre, sono causa di una maggiore disposizione all’infarto, alle malattie metaboliche, all’ipertensione, all’osteoporosi. Non sviluppare durante l’infanzia giusti meccanismi di coordinazione e di equilibrio porterà nel futuro a una minore efficienza fisica, che si ripercuoterà sulla qualità della vita e sui processi d’invecchiamento.
   In una corretta educazione alimentare, veicolo di formazione civile delle giovani generazioni, c’è anche un importante risvolto economico, perché educare a nutrirsi comporta di riflesso un sobrio uso del denaro e del cibo; non ultimo l’importanza di evitare gli sprechi. Pone in evidenza anche l’urgente necessità morale di un nuova solidarietà, specialmente nei rapporti fra i Paesi in via di sviluppo e i Paesi altamente industrializzati. Tre quinti dei quattro miliardi e mezzo circa di quelli che vivono nei paesi poveri si trovano in comunità prive di infrastrutture o di acqua potabile, un quarto non ha un alloggio adeguato, un quinto non ha accesso a servizi sanitari e tra i bambini due su dieci sono denutriti e non vanno a scuola.
    Ci chiediamo come affrontare direttamente le forme strutturali di povertà esistenti nel mondo. Alcune Ong, operanti da anni nel campo della cooperazione allo sviluppo, hanno creato attraverso forme di commercio equo e solidale e di finanza etica percorsi nuovi, sostituendo ai mercati internazionali tradizionali un sistema di importazione e distribuzione attuato da cooperative e  associazioni, Basato non sulla donazione, ma sulla valorizzazione delle produzioni locali è adatto ai prodotti delle popolazioni più povere, al fine di consolidare le esperienze di chi lotta per la realizzazione della propria dignità.


 
09/06/2019 - Il sistema di tutela dei nuovi parchi -
25/05/2019 - PREMIO STEFANO CAVALIERE 2019 -
09/05/2019 - Concetti filosofici alla base della nostra cultura -
19/04/2019 - Santa Pasqua 2019 -
11/04/2019 - Tradizione e invenzione artistica -
23/03/2019 - Per la vita degli ecosistemi terrestri -
11/03/2019 - Concorso CLIO 2019: storia di donna - STORYTELLING
27/02/2019 - Il nostro sistema linguistico -
03/02/2019 - Quadri sonori -
13/01/2019 - Il centro commerciale, internazionale, permanente -

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by