Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Registrazione | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

 

Realtà d’oggi e prospettive future


di Rina Di Giorgio Cavaliere

L’asteroide più grande degli ultimi tredici anni, scoperto tre anni fa da astronomi dell’Osservatorio Sky Surver presso Tucson (Arizona), ha sfiorato la terra lo scorso 19 aprile. Come aveva precedentemente informato il programma Nasa di osservazione degli asteroidi potenzialmente pericolosi, non vi sono stati rischi per il nostro pianeta. Il mondo naturale che sembrava sempre più allontanarsi dal nostro modo di vivere, è invece quello nel quale siamo più immersi. Mai come oggi, grazie a tante indagini scientifiche, conosciamo in un quadro sempre più completo e armonico la materia di cui siamo fatti noi, il mondo che ci circonda e l’universo da esplorare, definito dall’astronauta Umberto Guidoni, invitato a recensire lo spazio su Tripadvisor “Come Venezia bello, ma non ci vivrei”.

La civiltà industriale non è un’astrazione, ma la nostra vita quotidiana, pertanto è naturale parlare di scoperte scientifiche e di innovazioni tecniche, che trasformano il nostro modo di vivere. Dianna Cowern, la youtuber della fisica con 600.000 iscritti al suo canale, Physics Girl, vive dei proventi procurati dai video sui più svariati fenomeni fisici. Tutti noi, in primo luogo, siamo immersi in sistemi di interazione, essenzialmente virtuali, costituiti da persone, conoscenti e amici; l’ingresso e il cammino nella società avvengono all’interno di questa rete.

Possiamo riflettere sui fenomeni positivi che si manifestano nella vita dei paesi ricchi al fine di sottolineare il cammino effettivo intrapreso verso la promozione globale della persona, il diritto per tutti, che è anche necessità, di una diffusa, equamente distribuita giustizia sociale. Nel contempo i successi non devono nascondere la pericolosità e i limiti dei risultati ottenuti. Ad esempio nel settore dell’industria bellica (vedi USA e Corea del Nord) o nei progetti di stoccaggio delle scorie nucleari, che comportano attualmente grossi sforzi di sperimentazione, condotti tanto in laboratori di superfice che sotterranei. Nel caso di radionuclidi con lunga durata di vita, si tratta di prevedere a 100.000 anni di distanza gli effetti delle reazioni tra l’involucro dei blocchi di cemento inglobanti il materiale radioattivo e la barriera di protezione, se non il sito geologico in cui sono stati sotterrati. Il discorso riguarda tutti gli esperimenti, i cui risultati vorremmo non portassero conseguenze per i nostri discendenti.

La scienza è un bene e non si possono porre limiti allo studio scientifico e al progresso. L’aspirazione dell’uomo a conoscere, si è faticosamente concretata nell’esperienza durata millenni: le scoperte geografiche sino all’Ottocento e la successiva avventura nello spazio. Il desiderio di prefigurare il futuro è presente anche in letteratura: l’Ulisse dantesco, l’Orlando ariostesco e nella narrativa moderna possiamo citare “Polvere di luna” di L. Vergani. E’ questo entusiasmo per la conoscenza, questa ricerca incessante verso traguardi più avanzati che dovremmo trasmettere, senza nascondere i rischi e le difficoltà di un tale cammino.

 

 

 

 

 


 
21/05/2017 - Falsi profili in rete -
04/05/2017 - Realtà d’oggi e prospettive future -
10/04/2017 - Santa Pasqua 2017 -
26/03/2017 - Nuove tecnologie per le scienze della Terra -
12/03/2017 - Concorso CLIO 2017 -
27/02/2017 - Scuola, famiglia e società civile -
11/02/2017 - Paesi e città -
25/01/2017 - La scienza degli uomini nel tempo -
22/12/2016 - Il Natale -
01/12/2016 - La famiglia, società naturale -

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Utenti online: 1906
Lettori iscritti : 4460
Ultimo lettore iscritto : melissacep
Ottimizzato 800 x 600
Sito compatible con i seguenti browser:
Microsoft Internet Explorer
Mac
Opera
Firefox
Valid CSS!
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by