Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Registrazione | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

CLASSIFICAGIORNATE - RISULTATI

 

Foggia bello, sfortunato, ingenuo: 2-2 a Cosenza
Non basta il doppio vantaggio per espugnare il S. Vito. Espulso Quinto. In gol Agnelli e Iemmello


di Lino Mongiello

Cosenza, 6 settembre 2014. Un Foggia sfortunato ed allo stesso tempo ingenuo, raccoglie soltanto un punto dalla trasferta di Cosenza. Evidentemente, il San Vito è proprio un terreno di gioco “stregato” per il Foggia. Così come in ogni occasione trova sulla sua strada un arbitraggio a dir poco “discutibile”. Infatti, non sono bastati una grande prestazione e due gol di vantaggio per poter tornare a casa con in tasca l’intera posta in palio. Che non avrebbe fatto gridare allo scandalo. Anzi. Purtroppo, nella ripresa, i ragazzi del duo Brescia-De Zerbi, dopo aver subìto in modo rocambolesco il gol dell’1-2, hanno avuto un calo di concentrazione. E anziché mantenere alta la tensione ed amministrare il prezioso risultato, sono caduti nella trappola dei padroni di casa, abili  nell’innescare qualsiasi manfrina per far saltare i nervi agli ospiti. Nella “rissa” architettata a centrocampo, a gioco fermo, Quinto (19’) s’è fatto espellere ingenuamente per aver spintonato  un avversario. Da quel momento la partita è cambiata. Non tanto dal punto di vista del gioco quanto per la direzione arbitrale, tutta gentilmente “rivolta” in direzione  dei lupi calabresi. Anche il calcio di rigore può starci (Gerbo ha smorzato la sfera col braccio alto) ma a non convincere, oltre alla distribuzione dei cartellini è la valutazione complessiva delle fasi di gioco, quasi sempre a sfavore del Foggia. Circostanze che fanno sorgere più di qualche dubbio sull’imparzialità o sulle qualità tecniche del Sig. Melidoni da Frattamaggiore. Tutto sommato è comunque andata bene. E certamente, prima dell’inizio della gara, qualsiasi tifoso di fede rossonera avrebbe sottoscritto per il pareggio in quel di Cosenza. E allora che Agnelli e compagni godano per la bella prestazione e, soprattutto, memorizzino gli errori commessi e ne facciano tesoro. In questa categoria spesso il minimo sbaglio viene punito. Mister Brescia conferma l’undici che nella gara d’esordio ha battuto il Martina. Dall’altra parte c’è il Cosenza guidato da Cappellacci. Una squadra utilitaristica che ha ben figurato a Salerno. Il Foggia però è molto determinato e vuole sfatare la tradizione fortemente negativa al San Vito. Sin dal fischio di inizio Agnelli e compagni prendono in mano le redini del gioco dando la sensazione di poter disporre a proprio piacimento degli avversari. I rossoneri lavorano ai “fianchi” l’impaurita compagine di casa. La manovra è elaborata, avvolgente e si cerca il varco giusto per punire i rossoblu. A volte l’ultimo passaggio è  sbagliato d’un niente e anche i primi quattro calci d’angolo sono calciati in malo modo. Cavallaro sulla sinistra è ben controllato ma appena può (7’) mette in difficoltà Ravaglia. La gara è saldamente nelle mani degli ospiti e il “povero” Cosenza è costretto a stazionare nella propria metà campo subendo passivamente l’incessante pressing della squadra foggiana. Su ogni pallone ad arrivare per primi è sempre un giocatore in maglia bianca. Quella del Foggia in versione esterna. A furia di insistere e di provare e riprovare gli inserimenti, il Foggia passa meritatamente in vantaggio. Il gol dello 0-1 giunge a seguito della battuta del quinto corner. Un bolide dal limite dell’area di D’Allocco s’infrange sul palo ed Agnelli (28’) è pronto in agguato nel mettere la palla in rete. Proprio la posizione più avanzata del capitano e la sua capacità di distribuire palloni in verticale per le punte rappresenta l’arma vincente del match. Il Cosenza è groggy e ancora D’Allocco (32’) e Cavallaro (34’) hanno a disposizione due occasioni per raddoppiare. Non finalizzate. Quindi ci pensa l’ottimo Iemmello (40’), su servizio di Agnelli, a superare Ravaglia con un micidiale diagonale. Lo 0-2 è il giusto premio alla netta supremazia rossonera. L’unico sussulto del Cosenza, prima del riposo, è di Alessandro (43’) ma la sfera è fuori bersaglio. Nella ripresa è sempre il Foggia a spingere. Iemmello (2’) va ancora in gol ma è in posizione di offside. Poi Cavallaro (10’) tenta il “colpo” a sorpresa ma non è preciso. Dal possibile 0-3 il Cosenza, sino a quel momento mai pericoloso, riesce a ridurre le distanze. Un tiro-cross poco “convinto” di Calderini (12’) trova l’involontaria deviazione di Loiacono che mette fuori causa Narciso. Il Foggia riprende la sua “marcia” e ancora Cavallaro (14’) spreca la “palla” del possibile 1-3. I “lupi” man mano acquistano coraggio. Non riuscendo ad avere la meglio con la tecnica, “innescano” il valzer delle provocazioni. Ad “abboccare”, in modo plateale e ingenuo, è Quinto (19’), espulso su segnalazione dell’assistente che opera sotto i distinti, per aver spintonato, a gioco fermo, un avversario. L’inferiorità numerica non si fa sentire ma la sfortuna è ancora in agguato.  Criaco (22’) batte un calcio di punizione destinato fuori bersaglio ma Gerbo smorza la sfera col braccio “alzato”. Il Sig. Melidoni non si deve far pregare per assegnare il penalty, poi realizzato da Calderini (23'). Il 2-2 non scompone il Foggia che continua a spadroneggiare. Il Cosenza è solo “fumo” e sono ancora  i rossoneri nel finale a mancare il gol della meritata vittoria. Prima il neo-entrato Leonetti (42’) manca il diagonale vincente. Poi D’Allocco (43’) non riesce a superare Ravaglia in  uscita disperata. Sono le ultime due “cartucce”, a “salve”, di un Foggia combattivo, bello e vivace ma alquanto ingenuo e sfortunato. Alla seconda giornata ci può stare. L’importante è aver capito di avere a disposizione un buon gruppo e di  potersela giocare ad armi pari contro qualsiasi avversaria.

COSENZA - FOGGIA 2 – 2

Marcatori:  28’ p.t. Agnelli, 40’ Iemmello, 12’ s.t. Calderini, 23’ Calderini (rig.).

Cosenza: Ravaglia 5, Sperotto 5.5 (30’ s.t. Zanini 6), Bertolucci 5, Arrigoni 5 (23’ s.t., Mosciaro 5), Blondett 5, Magli 6, Corsi 6, Criaco 6, Cori 5.5, Calderini 7, Alessandro 5.5 (15’ s.t. Tortolano 5). A disposizione: Saracco, Tedeschi, Fornito, Sassano. All. Cappellacci 5.

Foggia: Narciso 6, Bencivenga 6, Agostinone 6.5, Agnelli 7, Loiacono 6, Gigliotti 6.5, Gerbo 5.5, Quinto 5, Iemmello 7 (39’ s.t. Leonetti 6), Cavallaro 6.5 (35’ s.t. Sainz-Maza 6), D´Allocco 6.5 (48’ s.t. Grea s.v.). A disposizione: Tarolli, Curcio, Sicurella, Bollino. All. Brescia 6.5.

Arbitro: Dario Melidoni di Frattamaggiore 5.
1°Ass.:   Orlando Pagnotta di Nocera Inferiore 6.
2°Ass.:  Raffaele Vitiello di Torre del Greco 5.

Note: Cielo sereno. Terreno in buone condizioni. Spettatori 3.000 circa. Ammoniti: Arrigoni, Corsi, Calderini (C) Quinto, Agnelli, Gerbo, Gigliotti, Loiacono (F). Espulso Quinto 19’ s.t. per scorrettezza nei confronti di un avversario. Angoli: 8 – 1 per il Foggia. Recuperi: 1’ e 5’.

Nella foto il gol dello 0-2 di Iemmello

 

 




 
16/09/2020 - Il Foggia per la Sere C, deve essere in regola - Ovvero essere in...
03/09/2020 - Capuano nuovo allenatore del Foggia - Corda il Foggia è andato in C e...
28/07/2020 - Criteri di ripescaggio in Serie C - Se ne discuterà il 4 agosto in...
22/06/2020 - Confronto Selleca-Pintus - Sono ore di attesa per i tifosi del...
10/06/2020 - Consiglio di Ammanistrazione Foggia Calcio - Le decisioni:...
16/05/2020 - FELLECA; Dobbiano andare in C noi e il Palermo - Vorremmo rispetto...
11/05/2020 - Centenario Foggia calcio, Beppe Signori ci sarà -
25/04/2020 - Foggia entra in “Football rail”- - Il Foggia insieme ad Amsterdam,...
01/03/2020 - Foggia batte il Nardò 2 a 0 - Siamo ad un solo punto della capolista...
23/02/2020 - Foggia inesistente, battuto a Casarano (1-0) - La prova dei rossoneri...

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by