Cerca nelle notizie:  
Redazione | Disclaimer | Registrazione | Mappa sito | Links | Segnalazioni | Contattaci

CLASSIFICAGIORNATE - RISULTATI

 

Foggia, la grande bellezza: 1-6 al Castel Rigone
Il gol di Agostinone, la doppietta di Giglio e la tripletta di Cavallaro, mettono le ali verso la C


di Lino Mongiello

Passignano sul Trasimeno, 29 marzo 2014.

Il Foggia ritrova la vittoria e, con una pioggia di gol (1-6), mette praticamente in cassaforte la promozione nella “C” unica. E, probabilmente, la “spallata” rifilata alla simpatica compagine umbra potrebbe per questi risultare letale. La bella prestazione e la goleada riportano la serenità nell’ambiente rossonero dopo le deludenti ultime prestazioni che avevano sollevato diverse perplessità ed inducevano persino a dubitare sul positivo esito finale. Nel momento più difficile della stagione, invece, i ragazzi hanno estratto dal cilindro una performance con i fiocchi che spegne definitivamente qualsiasi tipo di polemica. Non ci poteva essere una risposta migliore, nel giorno del ricordo del compianto Franco Mancini. Dalla trasferta umbra Mister Padalino attendeva risposte positive e di  tornare a casa imbattuti. Per questo motivo e per rispondere a chi l’ha accusato di non saper leggere tatticamente le partite, in silenzio, ha rifatto il look alla formazione e al modulo da opporre al Castel Rigone, il 3-5-2. Il terzetto arretrato, posto davanti a Narciso, è composto da Filosa. Loiacono e Sciannamè. Il folto centrocampo, orchestrato da capitan Agnelli è coadiuvato sugli esterni da Colombaretti e D’Allocco, col supporto di Agostinone e Sicurella. La fase offensiva è affidata al collaudato duo Giglio-Cavallaro. La quiete “umbra” sembra aver risollevato la squadra rossonera che, sin dai primi minuti, appare determinata e completamente diversa rispetto alle ultime “uscite”, sia nell’atteggiamento tattico che dal punto di vista fisico. Le distanze tra i reparti sono giuste. Il costante pressing mette in difficoltà la truppa di Fusi che, evidentemente, non s’aspettava di affrontare una avversaria così in “palla”. Dopo l’iniziale tentativo di  Coresi (3’), uno dei pochi in tutti i 90’, il Foggia  prende in mano le redini del gioco e comanderà a suo piacimento, fino alla fine. Roba da stropicciarsi gli occhi. Il Foggia riesce a “fraseggiare” come non gli riusciva da diverso tempo. Ed è una “grande bellezza” ammirare le giocate rossonere. Le finalizzazioni dalla distanza di  Agostinone (5’) e Sicurella (6’) sono le prime “prove” di una gara, come detto, da incorniciare. Quando Agostinone (9’) rompe gli indugi, scaraventando la palla in rete con una gran botta da fuori area, la sensazione di assistere ad una giornata trionfale, diventa quasi realtà. Infatti, pochi minuti più tardi lo 0-2 è pronto e servito.  D’Allocco dall’out di sinistra “pennella” un preciso cross sul quale Cavallaro (12’) è pronto a deviare di testa in rete. Sullo 0-2 i rossoneri non sono per nulla appagati e continuano a spingere.  Agnelli (19’) e Giglio (20’) provano la via del gol rispettivamente su calcio di punizione e con un diagonale. Entrambi imprecisi. Ma lo 0-3 è nell’aria e ci vuole poco per vederlo materializzare. Colombaretti innesca Giglio sul filo del fuorigioco. Il bomber s’invola e serve al centro il liberissimo Cavallaro (25’) al quale basta “toccare” la sfera per depositarla in rete. Il Castel Rigone è imbambolato e subisce passivamente la “carica” rossonera. Che prova a calare il poker con Sicurella (28’) dalla distanza. Mister Fusi vuol scuotere i suoi ed inserisce Mattelli al posto di Ubaldi (31’). Subito dopo il Castel Rigone accorcia le distanze con un calcio di punizione di Coresi (31’) sul quale Narciso ha non poche responsabilità. Il gol dell’1-3 non produce effetti particolari sul morale dei rossoneri che continuano a dominare fino al rientro negli spogliatoi, soddisfatti per la bella prestazione. Alla  ripresa delle ostilità i padroni di casa sembrano più motivati ma, quando il Foggia affonda, mette a nudo le difficoltà dell’allegra retroguardia umbra. Colombaretti (6’), tra i migliori, anticipa Mattelli ed è steso in area. Non ci sono dubbi per l’ottimo Sig. Piccinini nel sanzionare il fallo con la massima punizione. Cavallaro (8’) non si fa pregare per mettere a segno il gol dell’1-4, terzo personale. Non è finita. Palla al centro e Giglio (9’) se ne va in velocità sulla fascia sinistra, si presenta davanti a Zucconi, lo dribbla e conclude ancora in gol (1-5). Cavallaro (23’) potrebbe “chiudere” il set  ma, dopo una ubriacante serie di dribbling, spedisce alto sulla traversa. Col risultato praticamente “deciso” i due Mister effettuano alcuni cambi a disposizione. Tra i rossoneri Kyeremateng (32’) è devastante sulla sinistra ed è steso in area. Il Sig. Piccinini non infierisce e non concede il secondo penalty. Un minuto dopo però ancora Kyeremateng è protagonista mettendosi in evidenza e consegnando a Giglio (33’) la palla dell’1-6 da “spingere” in rete. Ancora Agostinone crossa per Forte (35’) e di testa impegna Zucconi che si salva con l’aiuto del palo. E’ l’ultima emozione di una gara a senso unico e che, finalmente, vede il Foggia far “pace” col gioco e col risultato.

CASTEL RIGONE - FOGGIA 1 – 6

Marcatori: 9’ p.t. Agostinone, 12’ e 25’ Cavallaro, 32’ Coresi, 8’ s.t. Cavallaro (rig.), 9’ e 33’ Giglio’.

Castel Rigone: Zucconi 5, Cangi 5, Luoni 5, Coresi 6 (20’ s.t. Liurni 5), Gimmelli 5, Sbaraglia 5, Montanari 5.5, Ubaldi 5 (31’ p.t. Mattelli 5), Tranchitella 5.5, Agostinelli 5.5, Cappai 5 (15’ s.t. Redi 5). A disp. Franzese, Santarelli, Bontà, Moracci. All. Fusi 5.

Foggia: Narciso 6, Colombaretti 7, Sciannamè 6.5, Agnelli 6.5, Loiacono 7, Filosa 7, Agostinone 7, Sicurella 7 (20’ s.t. Forte 6.5), Giglio 7 (35’ s.t. Leonetti 6.5), Cavallaro 7 (25’ s.t. Kyeremateng 6.5), D'Allocco 7. A disp. Micale, Pambianchi, Grea, Venitucci. All. Padalino 7.

Arbitro:  Marco Piccinini di Forlì 7.
1°Ass.:    Andrea Berti di Prato 7.
2°Ass.:    Alberto Piazza di Trapani 7.

Note: Terreno in buone condizioni. Spettatori 500 circa, la maggior parte di fede rossonera. Ammoniti: Gimmelli, Mattelli, Luoni (C)  Cavallaro (F). Angoli: 4 – 1 per il Castel Rigone. Recuperi: 3’ e 1’.

Nella foto il gol di Giglio dell'1-6

 

 

 




 
23/02/2020 - Foggia inesistente, battuto a Casarano (1-0) - La prova dei rossoneri...
16/02/2020 - Tre punti di rigore e il Foggia vede il Bitonto - Basta il penalty di...
09/02/2020 - Il Foggia c'è ed espugna lo Iacovone (0-1) - Il gol di El Ouazni...
02/02/2020 - Foggia-Cerignola un bel derby vinto dai rossoneri - Il contestato...
31/01/2020 - Felleca: Avanti con Ninni Corda fino alla fine - Si va avanti con il...
30/01/2020 - Pugno duro del Giudice sportivo a Ninni Corda - Intanto domenica allo...
26/01/2020 - Vince il Gravina con 2 reti contro il Foggia -
19/01/2020 - Foggia in “ripresa”: 2-0 e Nocerina al tappeto - Soltanto nella...
16/01/2020 - Foggia-Nocerima si giocherà a Porte Aperte - Accolto il ricorso del...
12/01/2020 - Pari deludente del Foggia (0-0) ad Agropoli - Rossoneri deludenti ed...

[Guarda tutto l'archivio     

 

Google
BING Search
TORNA INDIETRO| Stampa questa notizia | Invia in email questa notizia || VAI AD INIZIO PAGINA 
Il primo quotidiano di informazione on-line di Capitanata.
Stampa Sud: Reg. Trib.di Foggia - R.P. 7/74. Tutti i Diritti Riservati
Direzione e Redazione: Via Luigi Rovelli, 41 - 71100 Foggia. Tel e Fax +39.0881.744812
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni :

 

Web Publishing ®2005 - www.stampasud.it - All right Reserved
E' vietata la riproduzione anche parziale. Disclaimer
 
developed by